FARMACI E DINTORNI

giu152011

Negli Usa, nuove etichette per i filtri solari

La regolamentazione dovrebbe permettere ai consumatori di sapere se la protezione è ad ampio spettro e per quanti minuti resiste all'acqua. Solo dal fattore 15 in su possono proteggere da scottature e cancro

La Food and Drug Administration ha annunciato che, per migliorare la prevenzione dei tumori della pelle, implementerà nuove regole per i prodotti contenenti filtri solari, in commercio negli Usa. La regolamentazione dovrebbe permettere ai consumatori di sapere se la protezione è ad “ampio spettro”, cioè filtra i raggi UvA e UvB. «Le etichette così modificate, sono una parte importante per scegliere la protezione solare adatta per loro e per il loro familiari» said Janet Woodcock, M.D., direttore del Center for drug evaluation and research dell’Fda. Non sarà, inoltre, più possibile affermare che le lozioni sono waterproof o sweatproof, resistenti all'acqua o al sudore, o che proteggono da scottature e cancro se non hanno un fattore di protezione da 15 in su. Potranno, invece, indicare quanti minuti resistono all'acqua, secondo i risultati dei test. Inoltre solo con un fattore di protezione solare da 15 in su si potrà scrivere che aiutano a prevenire le scottature e ridurre i rischi di cancro alla pelle e invecchiamento precoce. Quelli con protezione da 2 a 14 dovranno avere un avviso in cui si dice che il prodotto non protegge da tumori della pelle e invecchiamento precoce. Di queste regole si parlava dal 1978, e saranno in vigore dall'anno prossimo. Una delle proposte, che invece è rimasta tale, è stata quella di vietare creme con fattori di protezione superiori a 50.


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Sacchetti E., Clerici M. La depressione nell'anziano
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Raccomandazioni sulla gestione della rinite allergica in farmacia
vai al download >>

SUL BANCO