Sanità

nov142013

Nelle farmacie francesi in arrivo test rapidi per l'Hiv

provette rosse

Gli autotest per la diagnosi rapida dell’Hiv, disponibili dal 1996 negli Stati Uniti, saranno venduti dal 2014 anche in Francia, molto probabilmente nelle farmacie sul territorio. L’iniziativa, firmata dal ministro della Salute Marisol Touraine, si pone l’obiettivo di individuare 4.000 soggetti sieropositivi e di evitare 400 nuove infezioni ogni anno: «Ho dato il via libera alla domande di autorizzazione necessarie per questi autotest che permetteranno a una popolazione limitata ma ben identificabile di potersi sottoporre a un test», ha precisato il ministro, tutti coloro «che non vogliono recarsi nei centri di screening o negli ospedali». Si tratta di soggetti che per il momento sfuggono a tutte le campagne di controllo, a causa di situazioni di precarietà, emarginazione o per la negazione dei propri comportamenti a rischio, a loro sono destinati gli autotest che non andranno a sostituire le campagne di screening indirizzate ai soggetti a rischio, come gli omosessuali o le donne migranti. Le farmacie sono state chiamate in causa già lo scorso aprile, durante la fiera Pharmagora 2013, anche se al momento nulla è ancora definitivo. I test in questione permettono, partendo da un solo campione di sangue o di saliva, di sapere rapidamente se sono presenti anticorpi specifici, prodotti in corso d’infezione da Hiv, che sono però rilevabili con sufficiente affidabilità solo 2-3 mesi dopo l’avvenuto contagio. (E.L.)


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Sacchetti E., Clerici M. La depressione nell'anziano
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Raccomandazioni sulla gestione della rinite allergica in farmacia
vai al download >>

SUL BANCO