farmaci

ago292017

Nuovo trattamento di prima linea per il carcinoma mammario approvato dalla Commissione europea

Nuovo trattamento di prima linea per il carcinoma mammario approvato dalla Commissione europea
Si tratta di ribociclib di Novartis, indicato in associazione a un inibitore dell'aromatasi per il trattamento delle donne in postmenopausa con carcinoma mammario localmente avanzato o metastatico con recettori ormonali positivi, negativo per il recettore 2 del fattore di crescita dell'epidermide umano (HR+/HER2-) come iniziale terapia su base endocrina. "L'approvazione europea" - si legge in una nota dell'azienda - "si basa sulla superiore efficacia e sulla comprovata sicurezza di ribociclib + letrozolo rispetto a letrozolo in monoterapia nello studio registrativo di fase III Monaleesa-2".

Lo studio ha arruolato 668 donne in postmenopausa con carcinoma mammario localmente avanzato o metastatico Hr+/Her2- che non avevano ricevuto alcuna precedente terapia sistemica per il tumore al seno in fase avanzata e ha dimostrato che ribociclib + letrozolo, un inibitore dell'aromatasi, ha ridotto il rischio di progressione o morte del 43% rispetto a letrozolo in monoterapia (Pfs mediana = 25,3 mesi vs 16,0 mesi). Oltre la metà delle pazienti (55%) con malattia misurabile che assumevano ribociclib + letrozolo ha sperimentato una riduzione del tumore di almeno il 30%".

«Il carcinoma mammario avanzato resta una malattia incurabile, quindi è importante iniziare subito con un'opzione terapeutica potente, fin dalla prima diagnosi», dice Wolfgang Janni, MD, PhD, Università di Ulm. «Sono incoraggiato dal fatto che le donne europee con carcinoma mammario avanzato HR+/HER2- possano ricevere un trattamento di prima linea con ribociclib+letrozolo, una combinazione che, nello studio registrativoMonaleesa-2, ha dimostrato una sopravvivenza libera da progressione di oltre due anni».

Il farmaco è un inibitore selettivo di due proteine chiamate chinasi ciclina-dipendente 4 e 6 (CDK-4/6). Queste proteine, quando vengono iperattivate, possono consentire alle cellule tumorali di crescere e di dividersi in modo eccessivamente rapido.

Ribociclib può essere assunto per via orale una volta al giorno, con o senza cibo, a una dose iniziale raccomandata di 600 mg (tre compresse da 200 mg) per tre settimane, seguite da una settimana senza trattamento. Ribociclib va assunto in combinazione con un qualsiasi inibitore dell'aromatasi preso continuativamente.


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO