Sanità

ott112021

Obbligo green pass, farmacie pronte a sforzo su richieste tamponi. Cossolo: incentivare vaccini

Obbligo green pass, farmacie pronte a sforzo su richieste tamponi. Cossolo: incentivare vaccini

Chi non ha il green pass perché non vaccinato ogni due giorni dovrà fare un tampone rapido, oppure ogni tre se sceglie il molecolare, per potersi recare al lavoro

Chi non ha il green pass perché non vaccinato, oltre 5 milioni di lavoratori, ogni due giorni dovrà fare un tampone rapido, oppure ogni tre se si sceglie il molecolare, per potersi recare al lavoro con la certificazione e le farmacie sono pronte a uno sforzo eccezionale per aumentare l'offerta ed effettuare decine di migliaia di tamponi in più. Così il presidente di Federfarma, Marco Cossolo in un'intervista ripresa dalla stampa, in vista dell'obbligo del Green pass dal 15 ottobre nei luoghi di lavoro, ribadisce la piena collaborazione della rete delle farmacie italiane con le iniziative decise d'intesa con il ministero della Salute, la struttura del commissario e le regioni italiane.

Oltre i due terzi dei tamponi sono effettuati nelle farmacie

L'introduzione dell'obbligo del green pass, riporta Cossolo, in una «prima fase ha generato un aumento della disponibilità a vaccinarsi. Ma questa disponibilità poi è scesa e si registra un aumento di domanda dei tamponi nelle farmacie. Non incoraggerei però la pratica dei tampone più di tanto. La pratica da incoraggiare è quella del vaccino non del tampone». «La domanda - afferma ancora - è aumentata e le farmacie si stanno organizzando per far fronte alle richieste. Noi siamo a disposizione. Abbiamo dato prova di sostegno. Oltre i due terzi di tamponi che vengono fatti al giorno sono effettuati nelle farmacie italiane». «Le farmacie sono a disposizione per fare i tamponi, anche prima della norma che ne stabilisce un prezzo calmierato, tant'è che al protocollo di intesa hanno aderito 7.500 farmacie su 9mila, quindi altre 1.500 saranno costrette a farli a prezzo ribassato con una capacità maggiore di testing». L'appello di Cossolo è: «Tranne alcuni che non si possono vaccinare, gli altri invece di lamentarsi per le file per i tamponi, li inviterei a vaccinarsi». Farmacie pronte anche per somministrazione della terza dose dice: «Tante attività di screening che vengono fatte per la prima dose successivamente non devono essere più ripetute quindi è anche meno complesso». «Come dal primo giorno della pandemia le farmacie italiane non faranno mancare il loro costante e crescente impegno per garantire i servizi, come vaccinazioni e tamponi, indispensabili per battere definitamente il Covid-19 e le sue varianti».

Testa autorizzati per rilascio del green pass

Sono tre i test che al momento consentono di ottenere la certificazione verde: il tampone molecolare e il tampone antigenico rapido e il test salivare molecolare (utilizzato anche per il monitoraggio della circolazione del virus SarsCoV2 nelle scuole e in altri contesti limitati) recentemente incluso. Resta ancora escluso il test salivare rapido, non raccomandato per l'insufficiente livello di precisione.
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO


chiudi