Sanità

dic212011

Oms: ischemie e infezioni uccidono nel mondo

Ischemia cardiaca e ictus da una parte e infezioni respiratorie, diarrea e Hiv dall’altra sono le principali cause di morte nel mondo, rispettivamente, nei paesi ricchi e in quelli poveri

Ischemia cardiaca e ictus da una parte e infezioni respiratorie, diarrea e Hiv dall’altra sono le principali cause di morte nel mondo, rispettivamente, nei paesi ricchi e in quelli poveri. Il quadro è stato delineato dall'Organizzazione mondiale della sanità, nell’ambito di una classifica più ampia che ha indicato le prime 10 cause di morte nel mondo con una distinzione tra paesi ricchi, a medio e basso reddito. Ne è emerso che, con dati del 2008, in generale le ischemie cardiache sono al primo posto con il 12,8% delle morti, seguite da ictus e altre patologie cerebrovascolari con il 10,8%, per poi saltare a infezioni delle basse vie respiratorie (6,1%), malattie croniche polmonari ostruttive (5,8%), diarrea (4,3%), hiv (3,1%), tumore al polmone, trachea e bronchi (2,4%), tbc (2,4%), diabete mellito (2,2%) e incidenti stradali (2,1%). Negli stati ad alto reddito le percentuali si modificano leggermente: le ischemie cardiache sono la causa del 15,6% della mortalità, seguite da ictus (8,7%) e cancro al polmone, trachea e bronchi (5,9%). Il quadro resta simile nei paesi a medio reddito, dove il primo killer rimangono le ischemie cardiache (13,7%), seguite da ictus (12,8%) e malattie polmonari cronico-ostruttive (7,2%). Negli Stati a basso reddito, invece, a uccidere sono le infezioni delle basse vie respiratorie (11,3%), la diarrea (8,2%) e l’infezione da hiv (7,8%).


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO