Sanità

mag92019

Orari, turni e ferie farmacie, Veneto approva proposta di riordino. Fontanesi: valorizzato servizio notturno

Orari, turni e ferie farmacie, Veneto approva proposta di riordino. Fontanesi: valorizzato servizio notturno

Orari, turni e ferie farmacie, in Veneto la nuova proposta di legge nasce dalla sinergia tra Federfarma e Regione

La Regione Veneto ha approvato all'unanimità un progetto di legge che riordina la normativa regionale in materia di turni diurni, notturni e festivi, di orari di apertura e chiusura delle farmacie, riforma la turnazione delle ferie e potenziando le modalità di informazione al cittadino e riconosce l'importante ruolo svolto dalle farmacie che nelle ore notturne rappresentano uno dei pochi presidi a cui i cittadini possono rivolgersi. È quanto comunica Federfarma Veneto in una nota a commento della Pdl di iniziativa consiliare n. 393 "Disciplina dell'orario di servizio, dei turni e delle ferie delle farmacie". La proposta, precisa il sindacato, è volta al riordino della normativa regionale in ottemperanza dei prìncipi generali enunciati dalla legge n. 27/2012 "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1, recante disposizione urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività" (Decreto Monti). E riporta che nel corso del dibattito, è stata sottolineata "la particolare valenza delle novità introdotte dall'articolo 7 della Proposta di legge, norma che, disciplinando le modalità del servizio notturno, prevede l'obbligo di dispensare i medicinali di cui alle disposizioni nazionali vigenti in materia di tariffa per la vendita al pubblico di medicinali, nonché dispositivi medici, latte e alimenti per la prima infanzia".

L'approvazione incontra la soddisfazione del presidente di Federfarma Veneto, Alberto Fontanesi: «L'impianto della legge incontra il nostro gradimento e la nostra approvazione perché sono state accolte la maggior parte delle richieste, delle indicazioni e delle istanze di Federfarma Veneto. Questo conferma il lavoro e l'operato della nostra associazione che ha costruito con la Regione del Veneto ed in questo caso con il Consiglio Regionale un dialogo costante e continuo e che ha portato ad un risultato soddisfacente. E siamo convinti che questa legge possa portare dei benefici positivi ai cittadini che avranno da parte delle farmacie un servizio sempre più disegnato sulle loro esigenze e sui loro bisogni. La norma risolve alcuni nodi critici per le farmacie tenendo conto delle esigenze del settore e della professione. L'impianto generale della legge valorizza l'istituzione farmacia e la professionalità dei farmacisti quale insostituibile presidio sanitario del territorio sottolineando la qualità del servizio che forniamo alla comunità ed ai cittadini. Infatti, la legge riconosce l'importante ruolo svolto dalle farmacie che in particolare nelle ore notturne rappresentano uno dei pochi presidi a cui i cittadini possono rivolgersi. Questa legge conferma ancora una volta l'attenzione della Regione per il nostro settore ed è questo un aspetto che non si riscontra in altre Regioni e con l'assessore Manuela Lanzarin e il consigliere regionale Riccardo Barbisan c'è stato un dialogo proficuo. La legge - conclude Fontanesi -conferma come il Veneto sia apripista nella sanità, ma anche nel rapporto con le farmacie ed infatti oltre a questa legge ha dato vita in questi mesi a progetti importanti come il Cup in farmacia, il coinvolgimento nella cura del paziente cronico e la farmacia dei servizi».
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO