farmaci

mag232015

Osteoporosi, trattamento a carico del Ssn: Aifa rivede nota 79 rivista

Osteoporosi, trattamento a carico del Ssn: Aifa rivede nota 79 rivista
Sono stati rivisti dall'Aifa i criteri di prescrivibilità a carico del Ssn dei farmaci per il trattamento dell'osteoporosi al fine di migliorarne l'appropriatezza terapeutica, anche alla luce delle nuove conoscenze acquisite di recente. In un comunicato firmato da Giancarlo Isaia, presidente Siommms (Società italiana dell'osteoporosi, del metabolismo minerale e delle malattie dello scheletro), organizzazione del cui contributo scientifico si è avvalsa Aifa per la stesura del documento, si specifica innanzitutto che la nuova nota 79, pubblicata sulla Gazzetta ufficiale del 20 maggio, conserva della precedente i criteri fondamentali che hanno consentito finora l'identificazione (meglio che in altri Paesi europei, si sottolinea) dei pazienti osteoporotici a maggior rischio di frattura, ovvero: una o più pregresse fratture vertebrali o di femore e il trattamento corticosteroideo cronico. Molte, comunque, le novità, tra le quali le più importanti sono: 1) Il riconoscimento dell'importanza, al pari della pregressa frattura di polso, anche di fratture osteoporotiche di altre sedi scheletriche; 2) l'accesso al trattamento e alla prevenzione dell'osteoporosi a carico del Ssn di pazienti a rischio perché in blocco ormonale adiuvante, come per esempio pazienti in trattamento di deprivazione androgenica per carcinoma della prostata o in trattamento con inibitori dell'aromatasi per carcinoma al seno; 3) la possibilità di trattare donne in postmenopausa anche prima dei 50 anni se a elevato rischio di frattura; 4) la considerazione della densitometria della colonna, oltre a quella del femore, con l'esclusione invece del criterio ultrasonografico ai fini del trattamento a carico del Ssn; 5) la semplificazione del criterio morfometrico per la diagnosi di frattura vertebrale; 6) la possibilità di accesso al trattamento anabolizzante anche in presenza di documentata severa riduzione della densità minerale ossea; 7) il riconoscimento dell'importanza in termini di rischio di frattura osteoporotica di altre comorbilità, oltre a quelle reumatiche, già considerate dalla precedente nota, quali: la broncopneumopatia cronica ostruttiva, le malattie infiammatorie intestinali croniche, il diabete, l'Aids, la sclerosi multipla, il morbo di Parkinson e la grave disabilità motoria; 8) la classificazione dei farmaci in linee di trattamento, in considerazione del rapporto costo/efficacia e del profilo di sicurezza, con la garanzia tuttavia di poter passare da una linea a un'altra in presenza di giustificate motivazioni cliniche; 9) l'espressione semplificata del contenuto della Nota mediante algoritmo, in particolare un diagramma di flusso, al fine di facilitarne l'interpretazione e l'applicabilità nella pratica clinica.

discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Ansel - Principi di calcolo farmaceutico
vai al download >>

SUL BANCO