farmaci

lug152013

Overdose da paracetamolo compromette fegato e mente

farmaci_aspirina

L’insufficienza epatica acuta provocata dall’intossicazione da sovradosaggio di paracetamolo, si associa, nei pazienti che sopravvivono senza trapianto, a una qualità della vita peggiore rispetto a chi ha subito un trapianto di fegato danneggiato da altre cause. Sono le conclusioni di uno studio pubblicato online su Liver Transplantation, una rivista dell’American association for the study of liver diseases. Gi autori spiegano che per quanto grave, quasi il 67% dei pazienti sopravvive a questa patologia e di questi il 29% viene sottoposto a un trapianto di fegato in urgenza ma va ricordato che l’insufficienza epatica acuta è una grave disfunzione del fegato associata a coagulopatia ed encefalopatia. Nella loro indagine, che ha coinvolto 282 pazienti con diagnosi di insufficienza epatica acuta ricoverati tra gennaio 1998 e luglio 2010 e successivamente rivalutati uno e due anni dopo, è emerso che nei casi di sovradosaggio da paracetamolo rimaneva una maggiore compromissione della salute mentale e fisica, con significative limitazioni dovute alle cattive condizioni di salute, al dolore, all'ansia e alla depressione. «Gli intossicati da paracetamolo» scrivono i ricercatori «mostravano tassi più alti di abuso di sostanze e maggiore frequenza di disturbi psichiatrici. Ulteriori indagini sono in corso per approfondire il tipo e la gravità del deficit cognitivo riportato dai sopravvissuti all’insufficienza epatica acuta».


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Sacchetti E., Clerici M. La depressione nell'anziano
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Raccomandazioni sulla gestione della rinite allergica in farmacia
vai al download >>

SUL BANCO