Galenica

mag242019

Papille linguali, Clobetasol in gel orale

Papille linguali, Clobetasol in gel orale
Un'equipe italiana guidata dal prof Arduino ha recentemente valutato la possibilità di utilizzare un gel orale di clobetasol per il trattamento, nell'arco di 6 mesi, del Lichen Planus orale. Lo studio ha previsto un trattamento in doppio cieco, randomizzato o con clobetasol propionato (in gel al 4% di idrossietilicellulosa) o con un gel placebo. Già nei primi due mesi di trattamento, il clobetasolo ha ridotto l'intensità dei sintomi, sia dal punto di vista soggettivo del paziente che clinico.
Sebbene lo studio sia piccolo, si può ipotizzare un utilizzo di questo glicocorticoide per il trattamento di questa patologia. In particolare sulla riduzione di lesioni atrofiche-erosive tipiche della malattia. Il clobetasolo, infatti, è il più potente corticosteroide applicabile per via topica per il trattamento di malattie muco-cutanee del cavo orale.
Immunosoppressivo ed antiinfiammatorio, tale è la sua potenza che alcuni case-report evidenziano una possibile soppressione della funzione delle surrenali (adrenale) data dall'assorbimento sistemico di clobetasolo dopo applicazione locale. Effetto che si può manifestare anche per assorbimento transmucosale sistemico. È evidente quindi la necessità di prescrizione medica per l'utilizzo e la formulazione galenica di questo principio attivo. Sempre per la sua elevata potenza, il trattamento viene genericamente praticato con mono o bi-applicazioni giornaliere per non più di due settimane.

Esempio formulativo:
materiali: bilancia, bacchetta di vetro, becher, piastra riscaldante
Clobetasol 0,05g
Idrossietilcellulosa 4g
Alcool 2g
Glicerina 2g
Sucralosio 0,1g
Aroma 1gtt
Agente emulsionante 2g
Miscela di nipagine 0,1g
Acqua depurata qb 100ml

In un becher solubilizzare il clobetasolo e le nipagine. Quindi miscelare con glicerina e agente emulsionante. In un becher a parte sciogliere il sucralosio in una parte di acqua. Portare l'acqua ad ebollizione ed aggiungerci a pioggia l'idrossietilcellulosa sotto continua e costante agitazione. A gelificazione e raffreddamento avvenuto, unire la soluzione alcolica, quindi aggiungere le gocce di aroma e portare a volume con acqua.

Luca Guizzon
Farmacista territoriale esperto in fitoterapia, Farmacia Campedello, Vicenza

Fonti
Oral Dis. 2018 Jul;24(5):772-777. doi: 10.1111/odi.12821. Epub 2018 Mar 13.
J Oral Pathol Med. 2012 Mar;41(3):255-60. doi: 10.1111/j.1600-0714.2011.01087.x. Epub 2011 Sep 22

discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Frongia - Casettari -Il galenista e il laboratorio
vai al download >>

SUL BANCO