Sanità

mar42019

Parafarmacie, ddl Sileri bocciato da tutte le sigle: irricevibile, un'epurazione liberticida.

Parafarmacie, ddl Sileri bocciato da tutte le sigle: irricevibile, un’epurazione liberticida.
Bocciata su tutta la linea la proposta del senatore Sileri presentata nei giorni scorsi alla platea degli Stati generali della farmacia, sia nel merito, una "epurazione per le parafarmacie, una restaurazione liberticida", sia nel metodo, "contenuti resi noti un contesto non imparziale senza aver sentito le parti coinvolte". E le critiche arrivano da tutte le sigle di rappresentanza delle parafarmacie, quelle sedute al Tavolo Fofi e quelle che lo hanno delegittimato, seppure con critiche peculiari.
Per l'Unaftisp, la proposta è "irricevibile. Non tanto nel merito, bensì nel metodo". E Daniele Viti, il presidente, spiega perché: "Del ddl se ne parlava da tempo ma i contenuti, ancora sconosciuti, vengono resi noti in un contesto non certamente imparziale. Di solito le proposte nascono dopo aver sentite le parti coinvolte ma con l'unico incontro con il senatore avuto come Unaftisp fu a ridosso del suo insediamento, un incontro conoscitivo e prettamente interlocutorio. Quando venimmo a conoscenza che il senatore stava lavorando sul ddl abbiamo chiesto un ulteriore incontro ma fu risposto che l'agenda era chiusa a causa di impegni prioritari, invitandoci a restare in attesa di nuove date". Irricevibili poi alcuni punti: "Su tutti, l'ereditarietà, la quale se ne è ben guardato dal metterla in discussione, dimenticando che è una concessione governativa da rimettere allo stato e che viene invece passata di padre in figlio. Secondo arcaico aspetto difeso dal senatore è la Pianta Organica, che si lascia così come è, a valere su sedi oggi non fruibili, in barba ad ogni altro metodo di valutazione, più attuale e coerente. E ancora l'istituzione di un concorso beffa come quello del Monti dal quale si rimettono in gioco anche le stesse sedi dopo vari interpelli. E per chiudere l'eliminazione del farmacista dalle parafarmacie, l'introduzione delle confezioni starter obbligando ad adeguarsi nell'arco di 24 mesi senza dare un'alternativa a migliaia di colleghi che rimarrebbero senza lavoro". Secondo Viti, "nessun governo precedente è arrivato a tanto" inoltre, "non si è tenuto conto del tavolo Fofi" e "non rispecchia tra l'altro le indicazioni della Ministra Grillo. Non accetteremo mai un ddl simile" è la conclusione di Viti.
Stesso tenore il commento delle altre sigle, Fnpi, Mnlf, Lpi e Federfardis, che in un comunicato congiunto che definiscono il ddl di Sileri una "epurazione delle parafarmacie proposta candidamente, una restaurazione liberticida in netto contrasto con quanto sempre esternato dal Movimento 5 stelle con cui è stato eletto". Per le sigle così "lo scempio da sempre auspicato si fa progetto: uccidere le parafarmacie, togliere la presenza obbligatoria del farmacista, tutela al servizio del cittadino, gambizzare migliaia di realtà imprenditoriali, devastarne l'utilità sociale, sanitaria e occupazionale, buttarci praticamente fuori da casa nostra, dai nostri esercizi, dandoci 24 caritatevoli mesi di tempo per farcene una ragione". E aggiungono che il "protezionismo restauratore e repressivo, porta scompiglio e preoccupazione nelle migliaia di famiglie dei farmacisti operanti nelle parafarmacie italiane e imbarazzo nel suo stesso movimento politico e si si assume la responsabilità di quanto avvenuto, progettato e perpetrato finora anche di fronte all'opinione pubblica, alla stampa, al suo partito e alla politica tutta". Per le sigle che nei mesi scorsi hanno delegittimato il tavolo Fofi, "l'Ordine è non è mai così lontano dai suoi compiti di rappresentanza, tutto diventa lecito per scongiurare l'estensione della dispensazione dei farmaci con obbligo di ricetta ai farmacisti delle parafarmacie e disinnescare la concorrenza etica e onesta tra farmacisti". E rinnovano l'invito al senatore Sileri ai prossimi Stati Generali delle parafarmacie del 28 Aprile all'Università La Sapienza di Roma.
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO