Sanità

dic142011

Parafarmacie, migliaia di fax a Monti pro liberalizzazione

Resistere. Questo l’appello che le parafarmacie e i farmacisti non titolari hanno rivolto al presidente del Consiglio Mario Monti attraverso l’invio di «migliaia» fax perché «non torni indietro sulla liberalizzazione dei farmaci di fascia C». A partecipare all’azione di pressing il Forum nazionale parafarmacie, l’Anpi e il Mnlf, che invitano il premier a «non cedere alle pressioni delle corporazioni, in primis la lobby dei farmacisti titolari». «Noi non abbiamo le risorse per acquistare intere pagine dei giornali» è il messaggio veicolato via fax «ma non rinunciamo alle nostre ragioni perché le riteniamo più forti di qualsiasi potere economico». D’altra parte, «la partita legata alla liberalizzazione dei farmaci è molto importante perché qui si giocherà il futuro delle riforme in Italia. Se questa partita verrà persa, sarà difficile affrontare e rimuovere le numerose barriere presenti nel panorama delle professioni in Italia». Tra le richieste anche la rimozione del limite dei 15 mila abitanti presente nell' articolo 32 per poter dispensare i farmaci con ricetta.


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Giua - Inquadramento clinico e gestione dei disturbi minori in farmacia
vai al download >>

SUL BANCO