Sanità

giu142017

Parafarmacie, si continua a discutere di sanatoria. Gullotta: politica riveda accesso alla professione

Parafarmacie, si continua a discutere di sanatoria. Gullotta: politica riveda accesso alla professione
Tornano ad accendere la discussione le proposte di intervento sulla situazione delle parafarmacie - in particolare in riferimento agli emendamenti di Silvia Fregolent, Pd, al Ddl professioni, in corso di esame -, e da Davide Gullotta, presidente Federazione nazionale parafarmacie italiane arriva il monito che non ci siano esclusi e che si rivedano piuttosto le modalità di accesso alla professione. «Parlando di Riassorbimento delle Parafarmacia nel ssn noi apprezziamo l'impegno dell'on. Fregolent perché ci sta mettendo la faccia. Nella nostra interlocuzione con la politica e l'on. Fregolent noi ribadiamo e vogliamo che se una soluzione deve esserci deve riguardare tutti i colleghi. Il rischio che alcuni colleghi siano lasciati fuori, e che questo provvedimento crei più spaccature e ingiustizie è grande, proprio perché la realtà parafarmacia finora è stata lasciata in un limbo normativo che ha permesso la nascita di tantissime forme societarie diverse e che con grande difficoltà si riesce a ricomprendere tutte con un provvedimento di questo tipo.

La Fnpi ha sempre lottato per un'idea di libertà professionale, ma nel momento in cui la politica decide di eliminare, riassorbire l'esperienza parafarmacia, ci si deve sforzare di garantire a tutti i farmacisti che in questi anni vi hanno investito professionalità e lavoro, di rientrare nelle soluzioni proposte». C'è poi un'altra considerazione: «Nelle proposte fin ora qui viste non si parla di eliminare il farmacista dalle parafarmacie, ma chi continua a ventilare tale ipotesi se ne prende la responsabilità. Noi come Fnpi vigiliamo su questo. Perché il solo parlare di eliminare l'obbligatorietà del farmacista dalle parafarmacie, o parlare di rompere il binomio farmaco-farmacista mette in pericolo migliaia di posti di lavoro. Tantissimi farmacisti lavorano presso i corner della Gdo e le parafarmacie di non farmacisti. Eliminare l'obbligatorietà del farmacista, oltre che un errore dal punto di vista professionale, vuol dire far rischiare a questi colleghi il proprio posto di lavoro».
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Giua - Inquadramento clinico e gestione dei disturbi minori in farmacia
vai al download >>

SUL BANCO