Sanità

giu192020

Parafarmacie, Unaftisp: riaprire confronto con Federfarma al Tavolo Fofi

Parafarmacie, Unaftisp: riaprire confronto con Federfarma al Tavolo Fofi

Le elezioni dei neopresidenti di Federfarma e Sunifar hanno riportato a galla il tema delle parafarmacie, che durante l'emergenza Covid era passato in secondo piano. Le proposte di Unaftisp

Le elezioni dei neopresidenti di Federfarma e Sunifar hanno riportato a galla il tema delle parafarmacie, che durante l'emergenza Covid era passato in secondo piano e si "azzardano persino delle proposte, che più o meno condivisibili, sono comunque un segnale di reazione e di consapevolezza rispetto al problema". Così Daniele Viti presidente Unaftisp commenta il rinnovo dei vertici dei sindacati dei titolari e le prime dichiarazioni in merito al tema delle parafarmacie.

La posizione dell'Unaftisp. Ecco i punti

Viti mette in evidenza due posizioni che emergono: "da una parte chi ricalca proposte e concetti che in passato Unaftisp ha sostenuto, dall'altra chi vuole definitivamente eliminare le parafarmacie attraverso un ddl (Sileri) confezionato ad hoc. Rispetto a queste posizioni, è necessario un confronto immediato e da farsi in tempi rapidi, anche facendo ripartire, laddove possa essere lo strumento idoneo, il tavolo congiunto della Fofi. La nostra posizione non cambia" e la sintetizza nei seguenti punti:
• Soluzione di un'emergenza sindacale causata dalla mancata conclusione di un percorso politico avviato nel 2007 che ha portato una crisi incontrovertibile che coinvolge ancora oggi i titolari di sola Parafarmacia.
• No a concorsi strutturati sul vecchio concept (Monti). Si ad una graduatoria mobile studiata e pensata sul modello dei medici di medicina generale.
• Presenza del farmacista in tutte quelle sedi dove è richiesto il supporto del professionista (F.sta di Corsia, F.sta prescrittore etc...), sedi che andrebbero a creare nuovi sbocchi anche per i farmacisti di domani.
• Istituzione immediata di limiti nelle partecipazioni di quote da parte di società, multinazionali o di soggetti non Farmacisti. La professione è una missione, non un mercato dove speculare sulla salute dei cittadini.
• Limitare il numero di Farmacie facenti capo a società o a Farmacisti già titolari, per aprire a più colleghi la possibilità di accesso alla professione.
• Stop ai nuovi codici univoci, per evitare che colleghi, illusi da false prospettive, diventino preda di Gdo e catene.
"Come Fnpi ripudiamo il concetto di ereditarietà su una concessione statale, e siamo fermamente convinti che le nuove nomine non cambiano e non cambieranno gli equilibri su cui si basa la nostra lotta. Chiediamo come ieri al Ministro Speranza di occuparsi dell'emergenza sindacale per la quale questa associazione è nata, chiediamo un atto di coraggio, di riforma di un sistema di dispensazione arcaico".
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO