Sanità

dic182008

Peginterferone alfa-2a ai non responder

Roche ha annunciato che la Commissione Europea ha approvato la combinazione di peginterferone alfa-2a e ribavirina per il trattamento dei pazienti affetti da epatite C, per i quali il trattamento iniziale con interferone alfa (pegilato o non-pegilato) in monoterapia o in combinazione con ribavirina non ha avuto successo. L’approvazione della Commissione Europea fornisce un’indicazione terapeutica significativamente più ampia per il peginterferone alfa-2a e instaura un nuovo standard di cura per i pazienti più difficili già sottoposti a trattamento. L’indicazione consiglia che il livello di virus nel paziente venga misurato dopo un periodo di 12 settimane di cura, per determinare se un ciclo completo di cura ha probabilità di avere successo. Lo studio REPEAT ha dimostrato che 72 settimane di trattamento con peginterferone alfa-2a e ribavirina raddoppia la probabilità di eliminare il virus, se comparato al trattamento per 48 settimane in pazienti non responders al peginterferone alfa-2b e alla ribavirina. Inoltre lo studio ha mostrato che il 57% dei pazienti che hanno raggiunto una risposta entro 12 settimane, ha continuato a migliorare fino a raggiungere la guarigione dopo un totale di 72 settimane di trattamento.
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO