Sanità

set292016

Pensioni, Governo pensa a ricongiunzioni non onerose

Pensioni, Governo pensa a ricongiunzioni non onerose
Con l'accordo governo sindacati dell'altro ieri dal 2017, sempre che non ci si mettano i vincoli di stabilità europei a bloccare il pacchetto pensioni varato dalla gestione Renzi, diventerà possibile ricongiungere spezzoni di periodi lavorati anche nella gestione separata Inps. E, a quanto pare, sarà fattibile a titolo non oneroso, anche se l'impatto su Inps è tutto da verificare.

Fronte Enpaf - La ricongiunzione vale non solo per gli spezzoni di periodi lavorati in ambito Inps, ma per tutti gli ambiti previdenziali. Si possono ricongiungere cioè, a titolo oneroso (cioè versando l'importo necessario a coprire il supplemento di pensione determinato dal trasferimento di contribuzione da altra gestione previdenziale), i contributi versati all'Inps a quelli versati alle casse privatizzate come Enpam ed Enpaf. In Enpaf, la procedura di ricongiunzione è attivabile sia da chi ha versato in misura ridotta, e consente la reintegrazione a quota intera e l'aumento dei corrispondenti rendimenti pensionistici, sia a chi ha versato a quota intera ad Enpaf ma debba ricongiungere altra contribuzione successiva al 1994, e in tal caso consente di raddoppiare il rendimento di pensione per gli anni raggiunti.

Cresce in pratica il montante dei contributi e il conseguente importo dell'assegno pensionistico. Le quattro leggi - Più norme regolano la materia come riepiloga Marco Perelli Ercolini (Osservatorio Anziani Enpam): «La legge 322 del 1958 consentiva ai dipendenti pubblici che cessavano dal servizio senza aver maturato il diritto alla pensione di trasferire i contributi all'Inps. Nel 1979, la legge 29 consente di ricongiungere al Fondo dipendenti Inps tutti i contributi esistenti nelle gestioni sostitutive dello stesso ente o speciali dei lavoratori autonomi. Nel 1990, la legge 45 amplia il ventaglio dei beneficiari di ricongiunzione, dando la possibilità di agganciare all'Inps i contributi alle casse privatizzate e viceversa. E provocando costi inattesi. Specie quando, alzata l'età pensionabile anche per le donne con differenza tra pubblico e privato (nel privato la donna può pensionarsi prima), molte pubbliche dipendenti hanno chiesto la ricongiunzione all'Inps per andare in pensione qualche anno prima. Ed ecco che nel 2010 è arrivata l'abrogazione della 322 del '58 a rendere le ricongiunzioni onerose e a subordinarle a una contribuzione di almeno cinque anni nella cassa "minore"».

Quattordicesima e Ape - Al di là del mondo medico, il ventaglio delle misure ventilate ai sindacati da premier e sottosegretari è molto ampio. Lo stato metterà 6 miliardi in tre anni per innalzare la quattordicesima ai pensionati a basso reddito. L'incremento crescerà quanti più sono gli anni di contributi versati. Il diritto a percepire l'assegno si estenderà alle pensioni fino a 1000 euro lordi mensili e non più fino a 750, limite vigente finora e pari a una volta e mezzo il minimo Inps. Si conferma poi la volontà del governo di concedere a chi lo chiede la chance di pensionarsi in anticipo (ape), fino a 3 anni e 7 mesi prima del limite di vecchiaia posto nel pubblico e per i maschi nel privato a 66 anni e 7 mesi (in ambito Inps, mentre in Enpam è 67 anni).

Chi va in pensione prima dovrà chiedere un prestito ventennale alla banca e pagare gli interessi, e stipulare un'assicurazione che subentra in caso di premorienza per il lavoratore, rimborsando tutto con una fetta dell'assegno pensionistico, più o meno grande a seconda di quanto prima va in pensione. A fine ventennio, la rinuncia potrebbe essere di svariate decine di migliaia di euro. La proposta del governo è di esentare dalle spese disoccupati e categorie particolari, quella dei sindacati è di esentare tutti entro il limite di 1,300 euro di pensione lordi; sempre esenti gli esodati, che non hanno deciso loro di andare via prima (pagherebbe l'azienda). Tutto da vedere il capitolo sui lavori usuranti: il requisito per andar via fino a 5 anni prima non dovrebbe essere più quello di star ancora praticando quel lavoro, ma di averlo praticato in sette degli ultimi dieci anni.


Mauro Miserendino
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Sacchetti E., Clerici M. La depressione nell'anziano
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Raccomandazioni sulla gestione della rinite allergica in farmacia
vai al download >>

SUL BANCO