farmaci

mar12013

Picco calante per l’influenza, ma ancora tanti casi tra bimbi

Il peggio è passato e l’influenza è in lenta e costante diminuzione, tuttavia il contagio continua a colpire i più piccoli. Tra i bambini sotto i cinque anni, infatti, secondo il bollettino del Sistema nazionale di sorveglianza Influnet, il tasso di incidenza è di 22,79 casi per mille assistiti, contro i 9,10 della popolazione generale. Un dato addebitabile, in parte, anche al crollo fino al 40% delle vaccinazioni registrato quest'anno in ambito pediatrico. «Già negli anni precedenti» spiega Giuseppe Mele, presidente della Federazione italiana medici pediatri (Fimp) «avevamo rilevato questa tendenza al calo, soprattutto dopo la campagna vaccinale per la pandemia influenzale H1N1, che non fu gestita bene. Ma quest'anno c'è stato un vero crollo rispetto all'anno scorso, che noi stimiamo essere del 20-40%, e in alcune aree anche superiore». Il problema, è che «l'influenza non viene percepita come una malattia che può provocare delle complicazioni. Dobbiamo risalire la china» avverte il pediatra «e far capire che è importante vaccinare i bambini, soprattutto quelli con patologie croniche, problemi respiratori e che vanno all'asilo». Comunque, secondo l’ultimo bollettino Influnet, in tutte le fasce di età si osserva una diminuzione dell'incidenza dei casi di influenza, seppure di lieve entità, mentre Marche, Calabria e Lazio sono le regioni più colpite.


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO