farmaci

mag292018

Piede diabetico, un problema sanitario in crescita. Disponibile nuova medicazione

Piede diabetico, un problema sanitario in crescita. Disponibile nuova medicazione
L'ulcera del piede diabetico è una della principale complicanze del diabete che interessa il 19-34% dei pazienti e nella popolazione di diabetici italiana, si registrano 8.000 amputazioni l'anno. L'aspettativa di vita dei pazienti sottoposti a amputazione non supera i 5 anni nel 70% circa dei casi. Questi i dati presentanti in occasione della presentazione dello studio Explorer, pubblicato su The Lancet Diabetes & Endocrinology che ha dimostrato l'efficacia di una medicazione o "strategia terapeutica locale" nel trattamento dell'ulcera del piede diabetico, organizzata da Urgo Medical Italia.

Lo studio, randomizzato e in doppio cieco paragona l'efficacia e la tolleranza della medicazione UrgoStart (matrice Tlc-Nosf) con quelle di una medicazione neutra su ulcere neuroischemiche del piede diabetico, cioè le lesioni che presentano la prognosi più infausta a causa della loro componente al tempo stesso neuropatica e vascolare (lesione dei nervi periferici e delle arterie). UrgoStart ha dimostrato un tasso di guarigione significativamente più alto rispetto a un trattamento standard realizzato correttamente, con un 60% in più di ulcere cicatrizzate, un tempo di guarigione significativamente inferiore: 60 giorni in meno rispetto al gruppo di controllo, pari a 180 giorni. Inoltre, l'inizio precoce del trattamento aumenta significativamente le probabilità di guarigione del paziente rispetto ad un trattamento standard realizzato correttamente.

«La sfida, per questo tipo di lesione, consiste nell'ottenere una guarigione migliore e in tempi più rapidi. La presenza di una lesione espone infatti quotidianamente il paziente diabetico a un rischio potenziale di infezione e quindi di ospedalizzazione e amputazione. 60 giorni guadagnati significano due mesi durante i quali il paziente non è esposto a questo rischio, con un miglioramento reale della qualità della vita e anche due mesi di risparmio in termini di spesa sanitaria», dichiara Alberto Piaggesi, responsabile del Centro Interdipartimentale di cura del Piede Diabetico dell'Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana e coordinatore italiano dello studio Explorer. «The Lancet Diabetes & Endocrinology è una delle riviste scientifiche più riconosciute a livello internazionale. La pubblicazione dello studio Explorer su una rivista così prestigiosa sottolinea la qualità dello studio e la portata dei suoi risultati - precisa Sauro Vecchi, Country Manager di Urgo Medical Italia.
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO