Sanità

lug272011

Piemonte: farmaci sfusi per evitare sprechi

Roberto Cota, governatore del Piemonte, Regione sotto piano di rientro per il rosso che regna nei conti del suo servizio sanitario, si è scagliato contro gli sprechi nei consumi di farmaci

Farmaci sfusi

Roberto Cota, governatore del Piemonte, Regione sotto piano di rientro per il rosso che regna nei conti del suo servizio sanitario, si è scagliato contro gli sprechi nei consumi di farmaci: «Premetto che si tratta di una suggestione, voglio chiarirmi le idee» ha detto Cota ai giornalisti a margine di un evento «ma quello delle confezioni fuori misura è un problema nei problemi. Si potrebbe valutare un accordo con le case farmaceutiche e con i farmacisti per consentire loro di aprire le scatole e vendere soltanto il necessario». Le confezioni ottimali, appunto: se ne parla da anni, diversi governi hanno messo il tema tra gli interventi programmatici per contenere la spesa farmaceutica, tempo addietro si era persino arrivati a formare un gruppo di lavoro, ma non è mai saltato fuori nulla di concreto. Forse perché quando si arriva alla resa dei conti si scopre che non c’è molto da risparmiare: ridurre della metà una confezione da venti compresse non comporta una riduzione del prezzo del 50%, lo sanno anche le massaie che vanno al supermercato. Quanto poi all’ipotesi di consentire ai farmacisti di aprire le scatolette e dispensare soltanto il dosaggio necessario, i primi a storcere la bocca sono proprio i camici bianchi: «Abbiamo già scritto al governatore per fargli capire che l’idea è impraticabile» spiega il presidente di Federfarma Piemonte, Luciano Platter «forse Cota pensa a quello che accade in Gran Bretagna, ma là la vendita di compresse sfuse riguarda i generici unbranded, qui parliamo di tutti i medicinali del Ssn. Invece, se si vuole parlare di appropriatezza, sarebbe più fruttuoso coinvolgere i farmacisti nel monitoraggio dell’aderenza alla terapia da parte dei pazienti: il vero spreco sono le scatolette lasciate a metà perché il malato, spesso anziano, si dimentica di prendere il farmaco o si scoraggia. Il contributo delle farmacie sarebbe decisivo, ma ho l’impressione che da parte delle Regioni ci sia spesso un preconcetto nel coinvolgere le farmacie in questo tipo di azioni».


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Frongia - Casettari -Il galenista e il laboratorio
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO