farmaci

mag112011

Pillola dei 5 giorni dopo, preoccupa l’uso ripetuto

La Commissione consultiva tecnico-scientifica dell'Agenzia italiana del farmaco (Aifa) ha espresso «preoccupazione riguardo alle eventuali conseguenze di un uso ripetuto» della pillola dei 5 giorni dopo. È quanto si legge in un documento dell'Aifa che ripercorre l'iter legislativo del farmaco ulipristal (EllaOne). Nel maggio 2010, dopo aver sentito il parere di «un esperto ginecologo», la commissione ha, infatti «ritenuto opportuno» sospendere la valutazione e sottoporre al Consiglio superiore di sanità (Css) un quesito specifico circa la compatibilità con la normativa vigente in tema di contraccezione e interruzione volontaria di gravidanza. «L'azione dell'ulipristal» si legge nel documento «va ad alterare la maturazione secretiva dell'endometrio (e quindi lo rende meno funzionale) sia a ritardare l'ovulazione a livello ovarico, causando l'effetto contraccettivo. Pertanto, la Commissione esprime preoccupazione riguardo alle eventuali conseguenze di un uso ripetuto per il quale non si hanno dati disponibili circa la sicurezza e gli eventuali effetti collaterali possibili». Dopo una prima trasmissione informale del quesito al Css, l'Aifa in data 15 marzo 2011, alla sua ricostituzione, ha provveduto «a un nuovo inoltro formale al Segretariato Generale» del Css.


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO