Sanità

ott132017

Pressione alta in donne di 40 anni può aumentare il rischio di demenza

Pressione alta in donne di 40 anni può aumentare il rischio di demenza
Le donne che presentano una pressione sanguigna elevata a 40 anni potrebbero avere più probabilità di sviluppare la demenza in seguito, secondo uno studio pubblicato su Neurology. «La pressione alta nella mezza età è un fattore di rischio noto per la demenza, ma questi risultati possono aiutare a capire meglio quando inizi questa associazione, come i cambiamenti nella pressione sanguigna influenzino il rischio di demenza e quali siano le differenze tra uomini e donne» afferma Rachel Whitmer, della Kaiser Permanente Division of Research a Oakland, in California, che ha guidato il gruppo di studio. I ricercatori hanno sottoposto 7.238 persone che facevano parte del sistema sanitario Kaiser Permanente Northern California a controlli della pressione sanguigna e ad altri esami dal 1964 al 1973, quando avevano un'età media di 33 anni, poi di nuovo quando avevano un'età media di 44 anni. Circa il 22% dei partecipanti complessivamente, il 31% degli uomini e il 14% delle donne, presentava pressione sanguigna elevata attorno ai 30 anni, e ancora il 22% - ma questa volta il 25% degli uomini e il 18% delle donne - intorno ai 40 anni. Successivamente, nel 1996, i ricercatori hanno identificato 5.646 partecipanti ancora vivi e parte del sistema Kaiser Permanente e li hanno seguiti per una media di 15 anni per verificare l'eventuale sviluppo di demenza, che è stata diagnosticata a 532 persone in questo periodo. Avere un'alta pressione sanguigna precocemente nell'età adulta non era associato a nessun aumento del rischio di demenza, ma un'alta pressione sanguigna nella mezza età adulta o intorno ai 40 anni è stata associato a un aumento del 65% del rischio di demenza per le donne.

«Anche se l'alta pressione sanguigna era più comune negli uomini, non c'era alcuna prova che nei maschi avere un'elevata pressione sanguigna a trenta o quarant'anni aumentasse il rischio di demenza» spiegano gli autori. Per le donne arrivate all'età di 60 anni senza demenza, il rischio cumulativo di demenza in 25 anni era del 21% per quelle con pressione alta a 30 anni rispetto al 18% per quelle che avevano una pressione sanguigna normale nello stesso periodo. Secondo i ricercatori, una limitazione di questo studio è data dal fatto che si sono avuti molti sviluppi nello screening e nell'efficacia dei farmaci per l'alta pressione sanguigna da quando questo studio è iniziato, per cui la generalizzazione alla popolazione odierna non è immediata.

Neurology 2017. Doi: 10.1212/WNL.0000000000004602 http://www.neurology.org/content/early/2017/10/04/WNL.0000000000004602.short
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Giua - Inquadramento clinico e gestione dei disturbi minori in farmacia
vai al download >>

SUL BANCO