Sanità

nov112015

Prevenzione diabete, progetto screening in farmacie umbre finalista in concorso Sanofi

Prevenzione diabete, progetto screening in farmacie umbre finalista in concorso Sanofi
Intercettare i casi di diabete non ancora diagnosticati e prevenire la comparsa della malattia nelle persone a rischio. Queste le finalità di un progetto sperimentale realizzato nelle farmacie dell'Umbria che partecipa a "#5innovazioni", concorso sostenuto da Sanofi per promuovere le eccellenze presenti sul territorio italiano in tema diabete e innovazione. Nella pratica, ai pazienti che entrano in farmacia viene proposto di rispondere alle domande del "Finnish diabetes risk score", uno strumento di profilazione del paziente per il rischio diabetico e di procedere all'automisurazione del tasso di glicemia nel sangue allo scopo di rilevare eventuali squilibri di questo valore metabolico, indice della presenza di diabete mellito. Il progetto umbro è arrivato alle selezioni finali insieme a quelli presentati dalla Campania, dalla Lombardia, dalla Puglia e dalla Sardegna. Il premio, che sarà assegnato ad aprile 2016, consiste in un finanziamento pari a 20.000 euro che dovrà essere impiegato nel completamento del progetto proposto.

A dare forma al piano di screening messo in campo in Umbria è stata la collaborazione tra Aild (Associazione italiana Lions per il diabete) e le farmacie territoriali umbre. «Aild era già attiva nel campo della prevenzione del diabete», ha spiegato Silvia Pagliacci, una delle farmaciste protagoniste del progetto. «Con il coinvolgimento delle farmacie Aild ha pensato di poter allargare la platea delle persone sottoposte a screening». «Il nostro progetto», ha spiegato Paolo Brunetti, diabetologo e docente presso l'Università di Perugia, «consiste nell'individuazione dei soggetti a rischio per indicare loro come riprendere un sano stile di vita, e quelli già affetti dalla patologia ma non sanno di esserlo per inviarli allo specialista. Dall'avvio dello screening abbiamo sottoposto al test della glicemia circa 4.200 persone e ben 91 sono risultate diabetiche, pur non sapendo di esserlo. Il nostro progetto si presenta innovativo perché è caratterizzato dalla digitalizzazione del Finnish diabetes risk score, eliminando qualsiasi supporto cartaceo e perché è arrivato a coinvolgere quasi tutte le farmacie umbre. La nostra intenzione è quella di estendere questa metodologia di prevenzione del diabete a tutte le farmacie della nostra Regione e, se possibile, all'intero territorio nazionale».

In finale ci sono anche altri 4 progetti legati al territorio: in Campania il "Diabetico Guida", un paziente esperto che insegna agli altri come gestire al meglio la patologia; in Sardegna un progetto di studio su cereali a basso indice glicemico per produrre un pane adatto alle persone con diabete; in Puglia un programma di incontri nelle scuole per formare docenti e personale sulla gestione quotidiana dei ragazzi con diabete; in Lombardia un Team Diabetologico multidisciplinare per rispondere a tutti i bisogni clinici e psicologici della persona con diabete.
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO