Sanità

ott302015

Prezzo di riferimento farmaci, America attenta alle strategie italiane

Prezzo di riferimento farmaci, America attenta alle strategie italiane

La sanità americana, alla ricerca di strategie per ridurre il costo dei medicinali guarda al meccanismo italiano di contenimento della spesa e plaude al sistema del prezzo di riferimento applicato a raggruppamenti di farmaci terapeuticamente assimilabili. È quanto riporta un economista americano in un articolo pubblicato sul sito del The New York Times e segnalato dall'Aifa. L'attuale dibatto Usa, ricorda Aifa, è concentrato sulla riduzione del costo dei farmaci, molto più alti di quelli europei, senza per questo rinunciare all'innovazione e al suo sviluppo. L'autore dell'articolo «riflette innanzi tutto sul concetto stesso di innovazione: non tutti i farmaci apportano benefici decisamente considerevoli; molti infatti ne procurano di marginali, ma a costi, negli Usa, davvero elevati». Da qui lo sguardo al sistema adottato in Italia, e non solo: prezzo di riferimento applicato a raggruppamenti di farmaci terapeuticamente assimilabili. Un sistema, adottato anche in Germania e in Spagna, «che consente una riduzione media del costo dei medicinali tra il 7 e il 24%». Il New York Times riporta l'esempio dell'ibuprofene per spiegare come i farmaci che presentano effetti terapeutici simili vengono raggruppati in classi: tutti quelli a base di ibuprofene appartengono alla stessa classe nella quale rientrano anche altri farmaci antinfiammatori non steroidei, laddove terapeuticamente assimilabili. L'economista suggerisce questo sistema per il rimborso dalle compagnie assicurative le quali «potrebbero individuare un prezzo di rimborso di riferimento per ciascuna classe di farmaci e, se le aziende fissassero un prezzo superiore, l'eventuale differenza di quanto non rimborsato dalle polizze sanitarie sarebbe a carico del paziente». Cioè, fa notare Aifa, «esattamente ciò che accade in Italia da molti anni con le liste di trasparenza per i farmaci a brevetto scaduto. O ancora, a quanto applicato nella recente rideterminazione dei nuovi prezzi di rimborso a carico del Servizio sanitario nazionale che ha individuato, appunto, raggruppamenti di farmaci terapeuticamente assimilabili per le relative procedure negoziali con le Aziende». Secondo l'economista quindi, la definizione di un prezzo di riferimento indurrebbe «le aziende farmaceutiche a diminuire i costi di quei medicinali per i quali esistono valide alternative terapeutiche, perché nel caso in cui esse non riducessero gli importi dei loro prodotti, i pazienti potrebbero semplicemente optare per quelli meno costosi e quindi rimborsati totalmente». E sottolinea come «il principio del prezzo di riferimento premia il valore del rapporto costo/efficacia positivo di quei farmaci che costituiscono davvero una risposta innovativa» che secondo Aifa «va misurata in termini di effettiva salute prodotta». Nell'articolo si fa un altro esempio, con un farmaco antitumorale la cui «efficacia è differente in base alla tipologia di cancro per il quale è impiegato: l'aspettativa di vita dei pazienti in trattamento con il medicinale varia di molte settimane a seconda di quale tumore esso vada a curare e non è razionale quindi che il medicinale abbia lo stesso costo, sia che prometta di allungare la vita di un malato di tre mesi oppure di una sola settimana».
In Italia, ricorda infine Aifa, «il prezzo di riferimento viene stabilito in base a quello più basso per ciascuna classe di farmaci; in Germania è impostato su una media fra tutti i medicinali della stessa classe; mentre in Spagna viene individuato sempre facendo una media, ma tra i prodotti con i prezzi più bassi che costituiscono almeno il 20% del mercato della classe dei farmaci in questione».

Simona Zazzetta


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Raccomandazioni sulla gestione della rinite allergica in farmacia
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Ascioti - Reparto dermocosmetico - Guida al cross-selling
vai al download >>

SUL BANCO