farmaci

ott192018

Probiotici e benessere dell'intestino: non contano i numeri ma l'efficacia dei ceppi

Probiotici e benessere dell’intestino: non contano i numeri ma l’efficacia dei ceppi
Non è sempre una questione "di miliardi" la garanzia di efficacia di un probiotico che non dipende, infatti, dalla numerosità dei fermenti lattici vivi ad azione probiotica che contiene, ma dalla capacità di adesione dei ceppi batterici e di contrasto alla crescita di agenti patogeni come documentano diversi studi clinici. Non è importante quindi soffermarsi sui miliardi di fermenti indicati in etichetta, quanto sulla capacità colonizzante del ceppo utilizzato affinché, come spiega Anna Maria Castellazzi del Dipartimento di Scienze Clinico-chirurgiche, diagnostiche e pediatriche, Università degli Studi di Pavia, «compiano la loro missione, e questo dipende più dalla qualità del ceppo che dalla quantità di fermenti, ovviamente sempre partendo da un miliardo di cellule vive, come indicato dalle linee guida del Ministero».

È quanto si apprende da una nota stampa di Montefarmaco, azienda produttrice di un integratore alimentare a base di fermenti lattici vivi ad azione probiotica a base di Bifidobacterium animalis subsp. lactis BB12 DSM 15954 (Lactoflorene Plus), per il quale "è stata scientificamente dimostrata, tramite diversi test in vitro, un'altissima capacità adesiva" un ceppo che "sopravvive naturalmente ai succhi gastrici e ai sali biliari e risulta antibiotico-sensibile a tutte le principali sostanze ad attività antibatterica". In particolare, il ceppo è stato valutato in cinque trials clinici su volontari sani per un totale di 221 pazienti arruolati ed è stato trovato vivo nel 75% dei pazienti durante la somministrazione in alti quantitativi. Il ceppo in quantità minori è stato ritrovato anche a due settimane dalla sospensione.

Secondo le linee guida del ministero della Salute, il quantitativo minimo sufficiente per poter garantire la colonizzazione dell'intestino da parte di un ceppo microbico è di almeno 1 miliardo di batteri o lieviti vivi a scadenza e Lactoflorene Plus capsule gastroprotette ha dimostrato, dopo test di stabilità, di mantenere vivi e vitali i ceppi presenti anche dopo scadenza. Il ceppo probiotico Bifidobacterium animalis subsp. lactis BB-12® (BB-12®) è il probiotico del genere dei Bifidobacteria più documentato al mondo ed è descritto in oltre 300 pubblicazioni scientifiche, di cui più di 180 sono pubblicazioni di studi clinici sull'uomo. Gli studi hanno documentato l'inibizione degli agenti patogeni, il miglioramento della funzione barriera e le interazioni immunitarie. BB-12® ha dimostrato il suo effetto benefico sulla salute in sulla salute gastrointestinale e sulla funzione immunitaria. Gli studi clinici hanno dimostrato inoltre la sopravvivenza di BB-12® attraverso il tratto gastrointestinale; BB-12® ha inoltre provato di migliorare la funzione intestinale, di avere effetto protettivo contro la diarrea e di ridurre gli effetti collaterali del trattamento antibiotico, come diarrea associata agli antibiotici. In termini di funzione immunitaria, gli studi clinici hanno dimostrato che BB-12® aumenta la resistenza dell'organismo umano alle comuni infezioni respiratorie e riduce l'incidenza delle infezioni acute del tratto respiratorio.
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Schramm - La farmacia online
vai al download >>

SUL BANCO