FARMACI E DINTORNI

giu132011

Produttori invitati al controllo radioattivo di farmaci dal Giappone

Per escludere la radioattività nei farmaci che provengono dal Giappone, le autorità europee e gli Stati membri hanno avviato, lo scorso maggio, una procedura di monitoraggio che valuta il possibile impatto dell'incidente su medicinali e materie prime fabbricati in Giappone. Ora il ministero della Salute con una lettera alle aziende allarga questi controlli anche ai farmaci veterinari. I titolari delle autorizzazioni in commercio devono assicurare la qualità, sicurezza ed efficacia dei medicinali. Per questo l'Aifa (Agenzia italiana del farmaco), come concordato a livello europeo, ha inviato nelle settimane scorse alle aziende la richiesta di compilare una dichiarazione sui controlli dei livelli di radionuclidi iodine-131, caesium-134 and caesium-137. La richiesta è stata inviata a tutte le aziende titolari di medicinali prodotti, anche solo parzialmente, importati dal Giappone e, oppure, prodotti con principi attivi o intermedi fabbricati in Giappone, in una delle prefetture individuate come critiche (Fukushima, Gunma, Ibaraki, Tochigi, Miyagi, Yamagata, Niigata, Nagano, Yamanashi, Saitama, Tokyo and Chiba).


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO