Sanità

set212011

Professioni sanitarie, Conaps in agitazione per il ddl sugli Ordini

All’indomani dello stop al disegno di legge 1142 per l'introduzione degli ordini nelle professioni sanitarie, proclamato lo stato di agitazione dal Conaps, il Coordinamento nazionale delle professioni sanitarie

All’indomani dello stop al disegno di legge 1142 per l'introduzione degli ordini nelle professioni sanitarie, proclamato lo stato di agitazione dal Conaps, il Coordinamento nazionale delle professioni sanitarie, che fa sapere come questa sia solo la prima di una serie di iniziative di protesta che verranno avviate durante l’anno. E intanto continua il pressing nei confronti della classe politica, con l’invio di una serie di lettere a tutte le figure istituzioni coinvolte, tra cui la relatrice del provvedimento, Laura Bianconi, e la richiesta di un incontro urgente al ministro della Salute, Ferruccio Fazio. «Le professioni sanitarie» fanno sapere Antonio Bortone e Tiziana Rossetto, presidente e vicepresidente del Coordinamento «non intendono subire passivamente questo stallo legislativo ingiustificato e lesivo della salute delle persone» e ora - sono le parole indirizzate a Fazio - «siamo preoccupati che il lavoro fin qui svolto possa vanificarsi. Per questo, desideriamo ribadire la nostra ferma determinazione a intraprendere qualsiasi forma di protesta, qualora l'iter del Ddl non dovesse riprendere celermente. D’altra parte, al nostro fianco ci sono soprattutto i cittadini, destinatari indifesi del fenomeno d'esercizio abusivo in sanità, per il quale, l'approvazione del Ddl, rappresenterebbe un valido strumento di deterrenza». Non a caso, l’azione di rivendicazione vede il coinvolgimento anche di CittadinanzaAttiva e della Federazione italiana per il superamento dell'Handicap (Fish).


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Giua - Inquadramento clinico e gestione dei disturbi minori in farmacia
vai al download >>

SUL BANCO