OMEOPATIA

ott92014

Profilo e azione di Drosera rotundifolia

Drosera rotundifolia è una pianta erbacea perenne della famiglia delle Droseracee. Cresce in Europa, nell'America del Nord, in Giappone e nell'Asia settentrionale. È una pianta carnivora che si nutre di piccoli insetti. La tintura madre viene preparata facendo macerare la pianta intera, raccolta a Luglio, all'inizio della fioritura. Tra i principi attivi vi sono glucidi, vari acidi, pigmenti flavonici ed enzimi quali una proteasi simile alla pepsina e dei naftochinoni.

Principali indicazioni
Drosera rotundifolia è indicata per sintomi e problemi derivanti da affezioni respiratorie recidivanti: laringiti o tracheobronchiti con accessi di tosse spasmodica, in special modo notturna; nella pertosse, caratterizzata da tosse accessuale che può portare alla congestione del volto e al vomito; artriti infiammatorie che si possono instaurare durante malattie virali quali il morbillo o la rosolia; è particolarmente utile in caso di "reumatismo dell'anca" del bambino piccolo.

Caratteristiche psicologiche del paziente
Chi risponde meglio all'azione del rimedio è di solito un soggetto molto giovane e freddoloso, predisposto e indebolito dalle affezioni respiratorie recidivanti.

Sintomi e modalità di reazione
Tosse provocata da un solletico laringeo, come se ci fosse una piuma, oppressione nel petto come se l'aria fosse trattenuta e impedisse l'espirazione sia mentre si tossisce sia mentre si parla. Dolori come da contusione a livello di muscoli e di articolazioni. Peggioramento di notte, stando coricati e con il caldo del letto; miglioramento con la pressione delle mani su coste e addome per attenuare i dolori provocati dalla tosse; miglioramento con il movimento per attenuare i dolori articolari.

Posologia
Nelle laringiti o tracheobronchiti con accessi di tosse spasmodica somministrare 5 granuli, alla 7 o 9 CH, ad ogni accesso. Nella pertosse, caratterizzata da tosse accessuale prescrivere subito un tubo dose di globuli alla 30 CH e ripetere quando l'effetto finisce. Nelle artriti infiammatorie somministrare 5 granuli, alla 7 o 9 CH, da una a due volte al giorno.

Il simile cura il simile
La sperimentazione patogenetica e l'osservazione terapeutica di Drosera rotundifolia ha messo in evidenza un'azione generale sull'apparato respiratorio, con stimolo alla tosse per irritazione catarrale alla laringe, irritazione con tosse soffocante spasmodica alla trachea, espettorazione di muco filamentoso e giallastro a livello bronchiale. Inoltre Drosera provoca, a livello osteoarticolare, dolori di tipo contusivo e trafittivo a livello di spalle e di anche.

Italo Grassi
Si ringrazia Siomi (Società italiana di omeopatia e medicina integrata) per la gentile collaborazione



discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Sacchetti E., Clerici M. La depressione nell'anziano
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Raccomandazioni sulla gestione della rinite allergica in farmacia
vai al download >>

SUL BANCO