farmaci

nov202014

Psicofarmaci, donne più propense all'uso e all'abuso

Psicofarmaci, donne più propense all’uso e all’abuso

Le donne ricorrono agli psicofarmaci più degli uomini e, in particolare, tra i minorenni sono le ragazze ad abusarne maggiormente facendone un uso diverso da quello prescritto dal medico. È questo il dato principale che emerge dalla ricerca "Dimensione di genere dell'uso non medico di farmaci da prescrizione in Europa e nel Mediterraneo" finanziata dal governo italiano e condotta dal Gruppo Pompidou, che ha raccolto informazioni in 17 paesi (Cipro, Repubblica Ceca, Egitto, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Israele, Italia, Libano, Lituania, Malta, Marocco, Serbia, Olanda, Tunisia e Galles). Per l'Italia i dati non sono aggiornati sulla popolazione generale, ma risalgono a un sondaggio condotto nel 2012 che si allinea ai dati internazionali: tra i 18 e i 64 anni il 24% delle donne e il 15% degli uomini hanno risposto di fare o di aver fatto uso di psicofarmaci, l'età media della prima assunzione è 30 anni, per entrambi i sessi. L'unico dato attuale reso disponibile per l'indagine internazionale, riguarda la fascia d'età tra i 15 e i 19 anni e tutto sembrerebbe dimostrare che sono le ragazze ad abusare di più degli psicofarmaci, cioè a farne un uso diverso da quello prescritto dal medico, l'età del primo abuso è 14 anni per le ragazze e 15 per i ragazzi, mentre l'assunzione di psicofarmaci assieme ad alcool è circa la stessa, anche se i ragazzi tendono a farlo un po' di più. Secondo Antonio Clavenna, farmacologo e ricercatore presso l'Istituto Mario Negri di Milano, va fatta una distinzione tra farmaci: «Dal punto di vista epidemiologico, la presenza di sintomi depressivi o ansiosi è maggiore tra le donne e questo si riflette in un maggior uso dei farmaci per combatterli, ma per altre classi avviene il contrario, come per esempio gli antipsicotici o gli stimolanti impiegati per il disturbo da deficit di attenzione e iperattività». Ma che cosa fare per contrastare gli abusi? Secondo Clavenna, «servono approcci differenziati a seconda del genere perché gli abusi sono diversi sia nelle sostanze assunte che nelle modalità». E chiarisce: «Per le ragazze va posta una grande attenzione alle fragilità e alle difficoltà di adattarsi ai cambiamenti che intervengono nell'età della crescita, invece per i ragazzi il rischio di abuso è spesso è dovuto alla ricerca di nuovi stimoli ed esperienze». Tuttavia, in entrambi i casi, c'è bisogno di educazione, in generale alla salute e in particolare a un corretto uso dei farmaci: «In Italia c'è un abuso di tutti i farmaci, prodotto di un atteggiamento culturale che li considera una panacea per tutti i mali. Bisognerebbe partire dalle scuole, anche perché gli adolescenti sono tra le categorie a maggior rischio, e tra loro sono diffuse abitudini pericolose come l'utilizzo di farmaci trovati in casa perché prescritti ai genitori oppure la condivisione di stimolanti tra compagni di scuola».

Renato Torlaschi



discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Sacchetti E., Clerici M. La depressione nell'anziano
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Raccomandazioni sulla gestione della rinite allergica in farmacia
vai al download >>

SUL BANCO