farmaci

mag112022

Psoriasi nei bambini, anticorpo monoclonale riduce gravità e sintomi cutanei

Psoriasi nei bambini, anticorpo monoclonale riduce gravità e sintomi cutanei

Uno studio dimostra l'efficacia prolungata e una certa sicurezza nell'utilizzo dell'ixekizumab in pazienti pediatrici con psoriasi da moderata a grave

La quasi totalità (90%) dei bambini con psoriasi da moderata a grave trattati con l'anticorpo monoclonale ixekizumab, dopo due anni ha avuto un miglioramento del 75%-90% dell'area della psoriasi e una riduzione dell'indice di gravità. Lo ha rilevato uno studio multicentrico che ha coinvolto 171 pazienti di età compresa tra 6 e 17 anni, che sono stati assegnati in modo casuale a ricevere ixekizumab tramite somministrazione sottocutanea o placebo.

Gravità ridotta e miglioramento di prurito e clearence cutanea

Dopo un periodo di 12 settimane controllato con placebo, i pazienti sono entrati in un periodo di mantenimento di ixekizumab in aperto di 48 settimane, seguito da un periodo di estensione che è durato fino a 108 settimane. Un sotto studio ha valutato poi la sospensione randomizzata di ixekizumab dopo la settimana 60. I risultati mostrano che, dopo due anni, più del 90% dei pazienti ha avuto un miglioramento del 75% - 90% dell'area della psoriasi e una riduzione dell'indice di gravità. Più del 75% dei pazienti ha avuto, inoltre, miglioramenti significativi del prurito e più della metà ha avuto una completa clearance cutanea (PASI100). In particolare, la clearance della psoriasi: · ungueale è aumentata dal 22,8% al 68,1%; · palmo-plantare dal 46,2% al 90%; · del cuoio capelluto dal 70,7% al 76,2%; · genitale dall'83,3% all'87,5%. I pazienti con coinvolgimento di aree difficili da trattare hanno inoltre mantenuto le risposte e hanno avuto un miglioramento continuo dalla settimana 12 alla settimana 108.

Possibile il trattamento intermittente

Lo studio includeva un periodo di sospensione randomizzato alla settimana 60 per i pazienti che avevano una psoriasi grave all'arruolamento. Gli autori hanno riferito che il 90,9% dei pazienti randomizzati nuovamente al placebo ha avuto una recidiva rispetto al 17,6% di quelli assegnati a ixekizumab. Tutto ciò suggerisce la possibilità di un trattamento intermittente e la capacità di riprendere il controllo della psoriasi dopo un periodo di sospensione del farmaco.

Sicurezza a lungo termine

Infine, non sono stati segnalati nuovi risultati sulla sicurezza durante il periodo di studio, inclusi nuovi casi di malattia infiammatoria intestinale (IBD) o infezioni da candida. "La sicurezza è davvero ciò a cui pensiamo di più quando parliamo di pazienti pediatrici, soprattutto perché possono essere trattati per decenni e iniziano queste terapie nell'adolescenza", ha affermato Amy Paller, autrice principale dello studio e presidente del Dipartimento di Dermatologia del Northwestern University, Chicago, Illinois. "Tali risultati sottolineano la sicurezza dell'ixekizumab a lungo termine e rassicurano sempre più i dermatologi".

Paolo Levantino
Farmacista clinico

Fonte: JAMA Dermatol. Published online April 13, 2022. doi:10.1001/jamadermatol.2022.0655


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO


chiudi