Sanità

dic192015

Punteggio concorsi e maggiorazione, Consiglio di Stato interviene sul tetto di 35 punti

Punteggio concorsi e maggiorazione, Consiglio di Stato interviene sul tetto di 35 punti
Se per il calcolo della maggiorazione del punteggio che premia l'esercizio professionale nelle farmacie rurali, si riteneva che «l'incremento del 40% del punteggio per i titoli di esercizio professionale in farmacia rurale non consentisse al candidato di superare il punteggio complessivo di 35 punti», con una recente sentenza il Consiglio di Stato «non ha condiviso tale lettura della norma». A dare questa lettura della decisione della Terza sezione (n. 5667 del 14 dicembre 2015), intervenuta in una controversia relativa al concorso ordinario per sedi farmaceutiche in Sardegna, annullandone la graduatoria, è l'avvocato Quintino Lombardo dell'Osservatorio Iusfarma. Secondo l'esperto è «una sentenza destinata a far molto discutere, non solo per la novità della posizione assunta, ma anche per le conseguenze che potrebbero darsi con riguardo alle procedure di concorso straordinario in itinere».
Le modalità di calcolo della maggiorazione del punteggio che premia l'esercizio professionale nelle farmacie rurali, ricorda Lombardo, è normata dall'art. 9 della legge 8 marzo 1968, n. 221 ("Ai farmacisti che abbiano esercitato in farmacie rurali per almeno 5 anni come titolari o come direttori o come collaboratori verrà riconosciuta una maggiorazione del 40 per cento sul punteggio in base ai titoli relativi all'esercizio professionale, fino ad un massimo di punti 6,50"), «ritenuta ancora vigente anche dopo la generale riforma del concorso farmaceutico intervenuta negli anni 90 (L. n. 362/1991; DPCM n. 298/1994 e s.m.i.), in forza del principio di specialità e della considerazione che l'esercizio professionale in realtà disagiate o comunque minori meritasse di essere incentivato». L'applicazione della maggiorazione, prosegue l'excursus normativo del legale, era effettuata in coerenza con l'art. 4, comma 1 e con l'art. 5, commi 1 e 2 del Dpcm 30 marzo 1994, n. 298 ("Ciascun commissario dispone di 10 punti per la valutazione dei titoli e di 10 punti per la prova attitudinale", ("Per la valutazione dei titoli ogni commissario dispone: a) fino a un massimo di 3 punti per titoli di studio e di carriera; b) fino a un massimo di 7 punti per titoli relativi all'esercizio professionale. Non sono valutabili i periodi di esercizio professionale superiori ai venti anni ed inferiori ad un anno"). «Era normalmente ritenuto che» spiega Lombardo «poiché il legislatore aveva stabilito, per i concorsi farmaceutici, una ripartizione del punteggio paritaria tra prova attitudinale e titoli di studio e di carriera e un altrettanto ben precisa suddivisione tra titoli di carriera e titoli di studio, ai cinque membri della commissione giudicatrice era ovviamente precluso di "sforare" tali limiti e tali proporzioni». Si riteneva che «l'incremento del 40% del punteggio per i titoli di esercizio professionale in farmacia rurale non consentisse al candidato di superare il punteggio complessivo di 35 punti perché, se ciò fosse avvenuto, magari con l'attribuzione di ulteriori 6,5 punti, ciò avrebbe comportato la violazione dei criteri direttamente stabiliti dal legislatore, con sostanziale e inaccettabile alterazione della proporzione tra le varie voci di punteggio per esercizio professionale, studio e carriera». Con la sentenza n. 5667 del 14 dicembre 2015, spiega quindi l'avvocato «la Terza Sezione del Consiglio di Stato non ha condiviso tale lettura della norma, ritenendo al contrario illegittima la clausola del bando del concorso sardo, in base alla quale: "la maggiorazione deve essere calcolata sul punteggio riportato dal candidato in relazione all'attività prestata in sede farmaceutica rurale, ma in ogni caso la predetta maggiorazione non può comportare il superamento di punteggio massimo complessivo da attribuirsi per l'attività professionale svolta"».

Secondo la pronuncia (vedi sotto, ndr), conclude l'avvocato, «la specialità della norma premiale richiederebbe la deroga dei limiti e della proporzione del punteggio stabiliti dal DPCM n. 298/1994 e il concorrente con 20 anni di anzianità di servizio in qualità di titolare di farmacia rurale dovrebbe ottenere, oltre ai 35 punti ordinariamente previsti, anche gli ulteriori 6,5 punti di maggiorazione». E precisa che «il punteggio massimo complessivamente disponibile per un concorrente, maggiorazione compresa, non sarebbe di 100 punti come sopra suddivisi tra prova attitudinale, esercizio professionale, studio e carriera, bensì di 106,5 punti, dei quali ben 41,5 punti per l'esercizio professionale, ovviamente se compiuto in farmacia rurale». Seocondo Lombardo la sentenza farà discutere poiché nel concorso straordinario in corso «è stata prevista un'attribuzione del punteggio per l'esercizio professionale, sia con riguardo alla maggiorazione premiale per l'esercizio in farmacia rurale, sia con riguardo al calcolo dei punteggi dei concorrenti per la gestione associata, in coerenza con i limiti e le proporzioni stabilite nel DPCM n. 298/1994».

La sentenza
Ribadita la natura di lex specialis del precetto in questione, il Collegio ha ritenuto che:
"Nella sostanza, il bando, avendo specificato che il punteggio massimo di 35 punti è relativo a tutti i titoli attinenti all'esperienza professionale, si è attenuto a quanto stabilisce la legge e il DPCM, citati, in ordine al punteggio attribuibile per l'attività professionale, ma non ha implicitamente tenuto conto, anche della maggiorazione prevista dal predetto art.9, la quale, si ricorda non poteva superare il limite massimo di punti 6,50 nei concorsi pubblici per l'assegnazione delle sedi farmaceutiche, considerato globalmente e non già riferito a ciascun commissario.
Un'interpretazione difforme finirebbe, oltre a privare di contenuto la norma agevolativa- art. 9 di cui sopra-, col privilegiare coloro che hanno una minore anzianità di servizio nelle farmacie rurali alterando il rapporto proporzionale tra esercizio di attività professionale e corrispondente punteggio conseguibile.
In sostanza, osservando la clausola del bando, soltanto coloro che hanno un'anzianità di poco più di 13 anni di servizio nelle farmacie rurali potrebbero conseguire il massimo punteggio, mentre risulterebbero penalizzati coloro i quali sono in possesso di un'anzianità superiore - intorno ai 20 anni di servizio-, il che naturalmente oltre a porsi in contrasto con la legge, condurrebbe a conseguenze abnormi sul piano della razionalità e dell'imparzialità.
Nella specie e andando sul piano concreto dell'attribuzione del punteggio, si rileva che alla ricorrente spettavano - e ciò non viene contestato - per l'esercizio professionale: 34,85 punti i quali maggiorati di 6,50 - per titolarità di farmacia rurale- determinavano un punteggio complessivo di 41,35, con probabile effettivo conseguimento, in base a tale punteggio, di una posizione più favorevole in graduatoria.
Ne discende che in definitiva l'appello deve essere accolto e per l'effetto, in riforma della sentenza impugnata, annullata l'impugnata clausola del bando e la relativa graduatoria di concorso".

Simona Zazzetta


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Sacchetti E., Clerici M. La depressione nell'anziano
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Raccomandazioni sulla gestione della rinite allergica in farmacia
vai al download >>

SUL BANCO