Sanità

gen162019

Remunerazione, Assofarm: un nuovo tavolo subito

Remunerazione, Assofarm: un nuovo tavolo subito
Oggi, forse, ci sono le condizioni giuste affinché la filiera dimostri a Governo e Regioni dinamismo propositivo e unità di vedute, va sfruttata l'attenzione suscitata dall'appello per chiedere subito un nuovo tavolo sulla remunerazione.

A tornare su dibattito pubblico avviato la scorsa settimana è Assofarm con un richiamo a non perdere l'attenzione sollevata: «Dobbiamo sfruttare l'attenzione suscitata dal nostro appello. Forse oggi ci sono le condizioni giuste affinché la filiera dimostri a Governo e Regioni dinamismo propositivo e unità di vedute» scrive in una nota il presidente di Assofarm Venanzio Gizzi con riferimento al fatto che nel testo dell'ultimo Milleproroghe fosse assente alcun riferimento alla legge 135/2012. Conseguentemente, dal 31 dicembre scorso la filiera ha perso definitivamente l'occasione di dire la propria sui nuovi parametri di remunerazione del farmaco. Alla prima comunicazione delle Farmacie Comunali è seguito un fitto susseguirsi di commenti e dichiarazioni, che oggi hanno portato Assofarm a farsi promotrice di una nuova proposta unitaria della filiera.

«E' un tema che da quasi quindici anni sentiamo vitale per il futuro della Farmacia - ha continuato Gizzi - saremmo davvero felici di riaprire un consesso di lavoro comune nella nostra sede romana. Se tutto ciò avvenisse in tempi davvero prossimi sarebbe un segnale molto positivo lanciato alla politica».
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Frongia - Casettari -Il galenista e il laboratorio
vai al download >>

SUL BANCO