Sanità

ott162018

Responsabilità del direttore, tra farmaci scaduti e abusivismo: ecco le criticità

Responsabilità del direttore, tra farmaci scaduti e abusivismo: ecco le criticità
Legge Concorrenza, Legge Lorenzin e Codice deontologico hanno ridefinito la figura del direttore, con l'attribuzione di maggiori doveri e responsabilità, anche in campo penale, a cui, però, non è corrisposta una pari evoluzione dei poteri di ambito gestionale ed economico, che sono quelli che permettono di intervenire nell'organizzazione della farmacia, strutturandola secondo le esigenze di qualità del servizio. Una situazione che, laddove la figura del direttore non coincida con la proprietà, rischia di creare criticità, anche perché il rapporto di lavoro subordinato porta con sé una serie di condizionamenti legati a meccanismi di gestione del personale e dinamiche occupazionali. Sono queste alcune delle riflessioni emerse dal convegno, a cura di Asfi, dedicato alla "Figura del direttore di farmacia dopo la legge 124/17", che si è tenuto venerdì a Roma, nel corso di FarmacistaPiù, attraverso gli interventi di Maurizio Cini, presidente Asfi e professore all'Università di Bologna, Federico Mongiello, avvocato dello Studio legale Bacigalupo-Lucidi di Roma, Laura Giordani, avvocato e professoressa all'Università di Roma La Sapienza e Università Roma 3.

«La figura della proprietà della farmacia» ha fatto il punto Maurizio Cini, «con la Legge Concorrenza, è stata disgiunta da quella della direzione tecnica, stravolgendo così il principio che voleva che il direttore tecnico della farmacia fosse il titolare o, almeno, uno dei soci. Ora la direzione della farmacia può essere in capo a un farmacista in rapporto di lavoro subordinato e, quindi, soggetto alle dinamiche occupazionali con le immaginabili conseguenze». E, per di più, proprio questo cambiamento «ha disgiunto dalla figura del direttore, laddove non coincidente con la proprietà, anche il potere di intervenire sulla definizione della organizzazione della farmacia, attraverso strumenti gestionali ed economici», mentre in contemporanea non c'è stata una ridefinizione, anche attraverso altri ambiti, «di tali poteri che diano effettiva esecutività alle responsabilità che si ritrova in capo». A questo scenario, si sono poi aggiunte le modifiche contenute nella Legge Lorenzin, che hanno complicato ulteriormente il quadro.

«Pensiamo per esempio al tema dell'abusivismo professionale, che, in termini di responsabilità ricade anche sul direttore. Che cosa succede al direttore, nel caso, vi siano pressioni per comportamenti illeciti da parte della proprietà? Vero è che nel codice deontologico si prevede che, in questi casi, il direttore ne debba dare segnalazione all'Ordine. Ma, nei confronti di una proprietà non di farmacisti, l'Ordine non ha alcun potere o possibilità di intervento, salvo fare denuncia, nel caso di reato, alla Procura». C'è poi anche un altro aspetto: «il tema dei farmaci scaduti. Come abbiamo più volte segnalato, la formulazione della norma sulla depenalizzazione contenuta nella Legge Lorenzin ha creato una sorta di cortocircuito, mettendo a rischio i farmacisti di essere multati con una sanzione amministrativa, quali che siano le procedure messe in atto: se i medicinali scaduti presenti in farmacia sono conservati con modalità tali da escludere la loro destinazione alla dispensazione al pubblico è applicabile la sanzione amministrativa, in caso contrario restano applicabili, come in passato, le sanzioni previste dal codice penale. Ma il fatto è che i medicinali scaduti sono gioco forza presenti in farmacia, anche solo per la gestione resi con Assinde che ritira i farmaci poche volte all'anno». È chiaro che, continua Cini, «questa situazione ricade sulla testa del direttore, dato tutto il profilo di responsabilità che si è venuto a determinare». Ecco allora che «vanno attentamente valutate e previste le conseguenze di tale epocale rivoluzione con le sue ricadute sulla qualità e sicurezza del servizio farmaceutico nell'interesse del cittadino».

Francesca Giani
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Frongia - Casettari -Il galenista e il laboratorio
vai al download >>

SUL BANCO