Sanità

feb72015

Ricetta digitale, target di copertura rinviato al 2016

Ricetta digitale, target di copertura rinviato al 2016
Rimandato al 2016 l'obbligo per le regioni di digitalizzare le ricette al 90%? Decisione inevitabile, quella del Parlamento secondo i sindacati medici, Snami e Fimmg, che puntano il dito contro gli ostacoli tecnici e la difficoltà di allineamento tra medici e farmacie. «Molta colpa del ritardo sta probabilmente nelle regioni, che spesso colpiscono i medici di famiglia con decisioni unilaterali» accusa Snami. Secondo Piergiorgio Muffolini, addetto comunicazioni Snami Lombardia «La società che gestisce il sistema informatico lombardo ha rilasciato una nuova release che anziché richiedere la firma elettronica al medico ogni blocco di 5-6 ricette, lo fa per ogni ricetta per una maggior sicurezza. Perdiamo fino a un'ora e mezza in più e il collaboratore di studio non ha più senso perché, nel contenere i tempi, non fa differenza se la procedura la gestisce lui o io. In Lombardia cresce il malcontento tra noi medici». Per Paolo Misericordia responsabile centro studi Fimmg, «l'emendamento al Milleproroghe proposto dalle commissioni Affari Sociali e Bilancio della Camera non è una battuta d'arresto ma prende atto delle differenze tra regioni. Sicilia, Trentino e Veneto nel 2014 erano a target (dell'80%) o lo avevano superato mentre da altre parti si procede a "spot" o per niente». Poi ci sono i problemi tecnici. Misericordia vede il rallentamento come occasione per affrontare «colli di bottiglia operativi. C'è bisogno che tutti i nostri software installino add-on per consentire l'invio della ricetta, che gli hardware siano adeguati (le Marche hanno concordato la fornitura di pc ai medici, altre regioni non ci pensano), che Windows XP sia abbandonato per Windows 8, e che lo studio si trasformi: stampanti in linea, segretarie che mandano la richiesta e Mmg che rinvia il promemoria per la stampa su carta, fase di cui si è liberato solo il Trentino». C'è poi la questione delle credenziali di autenticazione. «La prescrizione deve essere riconducibile al medico - dice Misericordia - il sistema d'accoglienza deve sapere chi la fa e quando e come la manda. In molte realtà per sedersi al posto del mmg e fare una ricetta basta sapere il suo codice fiscale (che fa da username) e la password, più un pin che è memorizzato dal sistema; l'unico vero baluardo è la credenziale d'accesso al software che, in una medicina di gruppo, sanno tutti gli operatori. Urge concordare uno standard per la firma elettronica». Infine ci sono difficoltà nell'allineare medici e farmacisti: «Ci sono farmacie che utilizzano scanner da 20 euro e non leggono i codici a barre, la Regione bene farebbe a sollecitare uno sforzo ulteriore», dice Muffolini. «Il vero vantaggio della digitalizzazione è che il paziente non deve più venire dal medico per le ripetizioni di ricette; in Trentino il curante è avvertito dal software che il blister sta finendo, scrive la ricetta, la invia al sistema d'accoglienza e comunica al paziente che può recarsi in farmacia, dove vuole, a ritirare».

Mauro Miserendino

discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Sacchetti E., Clerici M. La depressione nell'anziano
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Raccomandazioni sulla gestione della rinite allergica in farmacia
vai al download >>

SUL BANCO