Sanità

dic132017

Rinnovo Ccnl: parti concordi su premialità. Prossimi temi orari e flessibilità

Rinnovo Ccnl: parti concordi su premialità. Prossimi temi orari e flessibilità
Mercato e organizzazione del lavoro, con un excursus anche su flessibilità e orari, e ricognizione dell'articolato contrattuale vigente, anche per eliminare i contenuti più obsoleti. Saranno questi alcuni dei contenuti attorno cui dovrebbe vertere il prossimo incontro tra Federfarma e sindacati confederali per il rinnovo del Contratto nazionale, previsto, secondo la calendarizzazione di metà novembre, per lunedì. E intanto, secondo un programma condiviso, si procede individuando le macro tematiche su cui c'è una visione generale comune per poi entrare, successivamente, nel dettaglio dei singoli contenuti. La metodologia degli incontri è stata ribadita su Filodiretto, l'house organ del sindacato dei titolari, dal coordinatore della commissione dedicata al Contratto, Giuseppe Palaggi: «Procediamo per temi. Se su un argomento si registra velocemente la convergenza delle parti, procediamo al successivo e via di questo passo. Terminata la ricognizione, ricominciamo daccapo dando la precedenza ai capitoli dove c'è condivisione, in modo da riempirli di contenuto».

In merito ai contenuti del primo incontro, secondo quanto riferisce Palaggi, un primo elemento di condivisione c'è stato «sul primo dei temi in elenco, quello delle premialità legate a incrementi di efficienza e produttività. L'obiettivo di Federfarma è quello di arrivare a un contratto innovativo e questo è uno dei capitoli che più rispondono all'obiettivo. Miriamo a introdurre un sistema di incentivi imperniato su parametri aziendali condivisi e con i sindacati della dipendenza abbiamo trovato subito una convergenza e la disponibilità ad approfondire il confronto». Da parte della Filcalms-Cgil, come si legge in una comunicazione e sul blog del sindacato Farmacie. Blog, «Federfarma ha voluto esprimere prima di tutto l'esigenza di mantenere relazioni sindacali stabili con le organizzazioni sindacali firmatarie del Ccnl, ponendo anche l'accento sulla necessità di strutturare meglio ruolo e funzioni dell'Ente Bilaterale (perché abbia una maggior efficacia e possa meglio rispondere alle esigenze della base, soprattutto riguardo alla formazione condivisa e finanziata) e di regolamentare la contrattazione di secondo livello per inserire meccanismi di welfare favoriti dalle modifiche legislative su questa materia. Ha poi proposto per il prossimo incontro una fase ricognitiva dell'articolato contrattuale vigente. Ognuna delle organizzazioni sindacali, in un quadro unitario, ha esposto alcune prime riflessioni riguardo a quanto proposto oggi. Tutti hanno ribadito l'esigenza, già espressa, di valorizzare le professionalità già nel contratto nazionale, che ha ormai saltato più di una intera tornata di rinnovo. Riguardo all'Ente Bilaterale, pur condividendo che sia uno strumento utile per governare alcune dinamiche del settore, si ritiene importante distinguere chiaramente tra ruolo dell'Ente Bilaterale e ruolo delle parti sociali. Nella possibile contrattazione territoriale del welfare, la Filcams ha proposto di legarla, con meccanismi da costruire, alla contrattazione sociale».


Francesca Giani
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Garattini S., Bertelè V. Farmaci sicuri
vai al download >>

SUL BANCO