Sanità

giu142019

Riscatto laurea, domande in aumento. Da Inps simulazione per valutare convenienza

Riscatto laurea, domande in aumento. Da Inps simulazione per valutare convenienza

Riscatto laurea, aumentano le richieste. Ma a chi conviene davvero? Quali sono i requisiti? Dall'Inps un simulatore per valutare la propria situazione

La possibilità di accedere al riscatto di laurea agevolato ha determinato un aumento delle domande, anche se rimangono dubbi sulla convenienza in base a ogni singola situazione. Secondo i dati diffusi di recente dall'Inps, in generale, in questi ultimi tre mesi le domande di riscatto di laurea hanno superato le 21mila unità e poco meno della metà (10.139) sono state indirizzate a quello agevolato (il resto a quello ordinario). Rispetto all'anno precedente, si è passati da una media mensile complessiva di circa 2300 domande, con una prevalenza anche in questo caso del settore privato, alle 6mila di marzo, 7mila di aprile, 8mila di maggio. Non solo quindi c'è un aumento dovuto alla possibilità della via agevolata, ma si registra anche una crescita di chi procede al riscatto ordinario.

Valutare a chi conviene
Come si ricorderà, il riscatto di laurea agevolato è stato introdotto insieme ai provvedimenti di Quota 100 e Reddito e pensione di cittadinanza. La misura prevede, per chi abbia completato il percorso di studi, la possibilità di valorizzare ai fini pensionistici il periodo universitario per tutta la durata del ciclo (ma non oltre, per chi fosse andato fuori corso). Rispetto al riscatto ordinario, che ha regole meno restrittive, quello agevolato permette di versare una quota bloccata, non vincolata al reddito, con, tuttavia, un conseguente impatto su quella che sarà la rivalutazione pensionistica, dal momento che vigono, come indica l'Inps, «le regole del sistema contributivo». In particolare, come si legge nella normativa, il contributo, per ogni anno da riscattare, viene calcolato sul minimale retributivo della Gestione di Artigiani e Commercianti, che è per il 2019 pari a 15.878 euro, moltiplicato per l'aliquota di computo delle prestazioni pensionistiche per i lavoratori dipendenti pari al 33%. Si tratta quindi di un contributo di circa 5.240 euro per anno da riscattare. Sia per il riscatto agevolato sia per quello ordinario, le somme sono comunque deducibili al 50%, con una ripartizione in cinque quote annuali costanti e di pari importo nell'anno di sostenimento e in quelli successivi.

I vantaggi
Secondo le simulazioni di alcuni esperti di settore, in linea generale, vantaggi dall'istituto potrebbero esserci per chi si è laureato in corso e ha iniziato a versare i contributi poco dopo la laurea. Con il riscatto di laurea agevolato, in particolare, si viene a pagare una quota fissa piuttosto che legare il versamento al proprio reddito, diventando, con ogni probabilità, più conveniente per i redditi più alti. Secondo alcune proiezioni riportate dal Corriere Economia e dal Sole 24 Ore, il giro di boa sarebbe intorno a un reddito annuo di circa 75mila euro. Per gli autonomi poi, in particolare, occorre fare attenzione, perché, data anche l'aliquota del 33% con cui viene calcolato, potrebbe essere più conveniente, almeno fino a un certo reddito, quello ordinario. C'è poi da porsi la questione degli impatti in termini di anticipo pensionistico e di prestazione che si andrà a ricevere (versando di meno, con il riscatto agevolato, sarà più bassa). Ogni situazione è certamente da valutare singolarmente, ma intanto sul sito dell'Inps è disponibile lo strumento "La Mia Pensione futura", che consente, sulla base dell'effettiva storia contributiva, di stimare la data di pensionamento e l'eventuale importo della pensione.

I requisiti
Per chi intenda fare domanda, un primo vincolo richiesto per il riscatto agevolato è che gli anni di corso da riscattare ricadano sotto il sistema di calcolo pensionistico contributivo (quindi siano posteriori al '95) e non siano più di quanto previsto dal proprio corso di laurea (per esempio non più di cinque anni, anche per chi è andato fuori corso). L'agevolazione comunque è fruibile da parte di richiedenti che non siano già pensionati (in qualsiasi cassa). Tra gli altri requisiti, tale istituto non è accessibile da chi è iscritto unicamente a una cassa professionale, ma basta almeno un contributo versato in una delle gestioni Inps. Come per la pace contributiva, nel periodo riscattato non devono risultare altri versamenti pensionistici (come per esempio lo studente lavoratore, mentre non viene considerata la collaborazione occasionale).

Francesca Giani
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Frongia - Casettari -Il galenista e il laboratorio
vai al download >>

SUL BANCO