NUTRIZIONE

set62022

Salute mentale, alga Spirulina fonte di sostanze antiossidanti e antinfiammatorie

La spirulina contiene macro e micronutrienti con proprietà antinfiammatorie, antiossidanti e immunomodulanti per il sistema nervoso centrale

Salute mentale, alga Spirulina fonte di sostanze antiossidanti e antinfiammatorie
La spirulina è un ingrediente alimentare che negli ultimi anni sta riscuotendo un certo successo perché si inserisce nell'elenco di fonti alternative di nutrienti. Si tratta infatti di un cianobatterio microscopico e filamentoso che si sviluppa in acque a pH alcalino. La sua produzione ha raggiunto buoni standard di sicurezza alimentare.

È una fonte di macro e micronutrienti

Oggi, infatti, si produce industrialmente in appositi bioreattori che permettono il controllo dei parametri di processo ed evitano la contaminazione con eventuali agenti tossici che possono svilupparsi nello stesso ambiente dove Spirulina cresce naturalmente.
È una fonte di macro e micronutrienti. Il contenuto proteico varia tra il 60 e il 70% del suo peso secco; le proteine più importanti per le applicazioni alimentari sono le ficobiliproteine, ovvero la ficocianina, la alloficocianina e la ficoeritrina. Contiene inoltre polisaccaridi, acidi grassi polinsaturi e micronutrienti (vitamine A ed E e del gruppo B; sali minerali come ferro, magnesio, calcio e fosforo). Si pone come alternativa a fonti alimentari più tradizionali ma è anche ampiamente utilizzata come integratore alimentare per il suo contenuto di composti funzionali, come ficocianine, fenoli e carotenoidi, che hanno dimostrato proprietà antinfiammatorie, antiossidanti, immunomodulanti sia in vivo che in vitro. Diverse pubblicazioni scientifiche indicano che possa avere effetti positivi in​​varie patologie come malattie cardiovascolari, ipercolesterolemia, iperglicemia, obesità, ipertensione, tumori e malattie infiammatorie. Ma un più recente ramo di indagine riguarda il suo ruolo neuroprotettivo nell'insorgenza di malattie degenerative dell'invecchiamento. Ne ha parlato estesamente un recente articolo pubblicato su Nutrients (1).

Promuove una risposta immunitaria benefica

Le microalghe di Spirulina sono non solo una fonte di antiossidanti e sostanze antinfiammatorie, che favoriscono lo sviluppo del sistema nervoso, delle funzioni fisiologiche del cervello, compensando le carenze nutrizionali, ma sono anche attive nel promuovere una risposta immunitaria benefica, riducendo le conseguenze dannose di un sistema immunitario iperattivo. Le cellule della microglia e gli astrociti sono cellule a difesa del cervello: gli astrociti rappresentano il supporto strutturale e nutrizionale per i neuroni, sono coinvolti nello sviluppo del circuito neurale e nel controllo della barriera ematoencefalica, mentre le cellule della microglia sono responsabili della prima linea di difesa immunitaria. La loro attivazione genera tuttavia una serie di reazioni che possono causare un danno alle stesse cellule del sistema nervoso centrale. Hanno infatti il duplice ruolo pro- e antinfiammatorio, essendo coinvolte in diverse funzioni sia in condizioni fisiologiche sia patologiche. L'attività alterata delle cellule gliali è una delle principali fonti di radicali liberi, eleva i mediatori dell'infiammazione come chemochine e citochine, il rilascio di ROS e RNS (specie reattive dell'ossigeno e dell'azoto), con effetti neurotossici responsabili anche dei disordini neurologici cronici.

Prevenzione e/o progressione delle malattie neurodegenerative

Diversi studi hanno dimostrato gli effetti protettivi della Spirulina o dei suoi componenti, proprio contro l'attivazione delle cellule gliali, giocando così un ruolo nella prevenzione e/o progressione delle malattie neurodegenerative, in particolare il morbo di Parkinson, il morbo di Alzheimer e la sclerosi multipla. Saranno necessarie ulteriori studi, precisano i ricercatori, per chiarire i meccanismi d'azione della Spirulina, ma i processi di neuroprotezione osservati a favore del parenchima cerebrale fanno ipotizzare un utilizzo degli estratti di questa microalga anche a livello farmacologico, per lo sviluppo di molecole che possano intervenire in termini di prevenzione o di cura, senza pericolosi effetti tossici verso i neuroni.

Francesca De Vecchi

Fonti

Nutrients. 2022 Feb 5;14(3):676.
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO


chiudi