Sanità

giu102019

Scontrino elettronico, oggi incontro tra farmacie e Agenzia. Federfarma a Ministero: rinvio obbligo

Scontrino elettronico, incontro tra farmacie e Agenzia. Federfarma a Ministero: rinvio obbligo

E' previsto per oggi un incontro tra l'Agenzia delle Entrate e Federfarma per avere aggiornamenti e discutere dei nodi ancora aperti in merito allo scontrino elettronico. Intanto Federfarma ha chiesto al ministro Tria di posticipare l'obbligo a gennaio 2020

È previsto oggi pomeriggio un incontro tra l'Agenzia delle Entrate e Federfarma per avere aggiornamenti e discutere dei nodi ancora aperti e delle criticità sollevate dal sindacato dei titolari in merito alla partenza - fissata al primo luglio per chi ha un volume d'affari annuo superiore ai 400mila euro e da gennaio per tutti - dell'obbligo di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi. E, intanto, venerdì scorso, da Federfarma è partita la richiesta indirizzata per lettera a Giovanni Tria, Ministro dell'Economia e delle Finanze, di posticipare l'obbligo alla deadline di gennaio 2020 per tutte le farmacie. «Per i soggetti tenuti all'invio dei dati al Sistema TS ai fini dell'elaborazione della dichiarazione dei redditi precompilata, tra i quali anche le farmacie» si legge nella lettera «è stata prevista la possibilità che l'obbligo possa essere assolto, in via opzionale, mediante la memorizzazione elettronica e la trasmissione dei dati relativi a tutti i corrispettivi giornalieri al sistema TS. Per dare attuazione a tale previsione è necessaria l'emanazione di un provvedimento attuativo, che risulterebbe ancora al vaglio del Garante sulla Privacy, e, quindi, nonostante l'approssimarsi dell'ormai imminente scadenza e i ripetuti solleciti, tale opzione non risulta ancora operativa, in mancanza del decreto con le specifiche tecniche. Si ritiene pertanto che gli esigui tempi per l'entrata in vigore dal prossimo luglio del nuovo obbligo, nonché le possibili difficoltà operative connesse alla problematiche tecniche che le farmacie si troveranno ad affrontare nella scelta tra l'adeguamento del registratore di cassa attualmente in uso o nell'eventuale sostituzione con un registratore telematico, inducano a ritenere più ragionevole prevederne il rinvio al 1° gennaio 2020 attraverso uno dei prossimi provvedimenti legislativi che emanerà il Governo e di cui Le chiedo di farsi promotore».
Intanto, Federfarma comunica di essere stata convocata dall'Agenzia delle Entrate per oggi pomeriggio per un incontro (in corso nel momento in cui questo numero chiude) in cui verranno forniti alcuni aggiornamenti. Contestualmente fa sapere che «Promofarma, a seguito dell'incarico affidatole, ha concluso un accordo che consentirà alle farmacie interessate, entro una decina di giorni al più tardi, di acquisire un modello di registratore telematico» specifico, a un prezzo stabilito.
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO