Sanità

mar42022

Screening cardiovascolare, studio in farmacie italiane: con pandemia scarsa aderenza a terapie e valori fuori target

Screening cardiovascolare, studio in farmacie italiane: con pandemia scarsa aderenza a terapie e valori fuori target

Uno studio condotto nelle farmacie italiane ha riscontrato fattori di rischio cardiovascolare non diagnosticati e/o non controllati in soggetti ipertesi in trattamento antipertensivo. Ecco i risultati


La pandemia ha avuto un forte impatto sui pazienti con malattie cardiovascolari: circa il 70% dei pazienti non ha valori pressori accettabili, il 60% dei soggetti tratta per l'ipercolesterolemia non ha valori di colesterolo LDL a target, e anche chi non aveva alterazioni della colesterolemia presenta valori superiori a quelli indicati dalle linee guida. È il quadro che emerge dalla campagna di screening Save your HEART che ha raccolto dati in 21 farmacie di comunità presenti in 15 regioni italiane, tra maggio e luglio 2021, confluiti in uno studio osservazionale recentemente pubblicato sul Giornale Italiano di Health Technology Assessment and Delivery. La campagna promossa dal Gruppo Servier in Italia, è stata realizzata in collaborazione con la Società Italiana di Farmacia Clinica (SIFAC) e con il patrocinio della Società Italiana dell'Ipertensione Arteriosa (SIIA), della Società Italiana per lo studio dell'Aterosclerosi (SISA) e Conacuore Onlus.

Ipertensione, diabete e ipercolesterolemia non controllate

Il quadro che emerge, sottolinea una nota stampa, è che il forte impatto della pandemia sui pazienti con malattie cardiovascolari "ha creato una situazione delicata e richiede interventi urgenti e coordinati tra i vari attori del SSN". Save Your HEART è stato condotto in 21 farmacie di comunità presenti in 15 regioni italiane, con l'obiettivo di indagare i fattori di rischio cardiovascolare non diagnosticati e/o non controllati in soggetti ipertesi in trattamento antipertensivo e intercettare i pazienti che sottovalutano o ignorano le possibili conseguenze a cui sono esposti. Lo screening ha coinvolto oltre 500 pazienti ipertesi di età superiore o uguale a 50 anni - di entrambi i sessi - disponibili ad effettuare in autoanalisi la misurazione di pressione arteriosa, profilo lipidico (colesterolo totale, colesterolo HDL e colesterolo LDL) e glicemia, nonché la compilazione di un questionario sull'aderenza alle terapie in corso. "Dallo screening sono emersi dati piuttosto allarmanti - commenta Claudio Ferri, Professore Ordinario in Medicina Interna Università dell'Aquila e past President SIIA. - Il 68% dei partecipanti non raggiuge valori pressori accettabili, il 59% dei partecipanti trattati per l'ipercolesterolemia non presenta valori di colesterolo LDL a target mentre coloro i quali avevano dichiarato di non essere ipercolesterolemici, nel 72% dei casi presentano valori superiori a quelli indicati dalle linee guida per il colesterolo LDL. D'altro canto, il 69% degli ipertesi diabetici non ha un buon controllo della propria glicemia e tra coloro che hanno dichiarato di non avere il diabete, pari a circa l'85% del campione, sono stati riscontrati valori di glicemia tipici degli stati prediabetici e diabetici nel 31% dei casi. Un'ulteriore criticità viene dal fatto che quasi la metà dei partecipanti (49%) è risultata avere un rischio alto o molto alto di andare incontro ad un evento cardiovascolare fatale a 10 anni. Questi numeri ci confermano la necessità di individuare un nuovo approccio clinico per identificare e trattare in maniera efficace i soggetti ipertesi, al fine di evitare possibili conseguenze cardiovascolari a medio e lungo termine, quali ictus cerebrale e infarto del miocardio".

Farmacisti in team multidisciplinari per intercettare casi a rischio

"I risultati dello Studio restituiscono una fotografia preoccupante dello stato di salute dei pazienti ipertesi post pandemia ed evidenziano la necessità di un approccio clinico che miri a identificare e a trattare efficacemente i pazienti cronici - spiega Maurizio Pace, Segretario Federazione Ordini Farmacisti Italiani (FOFI). - Già durante l'emergenza il farmacista di comunità ha svolto un compito chiave, assicurando la continuità dei trattamenti ai pazienti cronici, ma anche attività in prima linea come la consegna a domicilio dei farmaci per i pazienti anziani, immunocompromessi o affetti da malattie cronico-degenerative. Oggi però il nostro ruolo deve evolvere ulteriormente. Al farmacista, infatti, verrà sempre più richiesto il proprio contributo, per lavorare in sinergia con altre figure professionali all'interno di un team di cura quali MMG e specialista, intercettando soggetti a rischio, conducendo un'educazione personalizzata e reindirizzando al medico curante situazioni particolarmente critiche". Il Rapporto Salutequità del Ministero della Salute mostra la riduzione degli esami di laboratorio (67%) e delle visite ambulatoriali (13%) durante la prima ondata pandemica, scenario che si è verificato anche nel caso delle cure farmacologiche, con la tendenza dei pazienti a recarsi di meno presso le farmacie e con una inevitabile ricaduta sull'aderenza terapeutica.

Aderenza alla terapia inadeguata, nonostante e monitorare a distanza

Save Your HEART ha confermato questo stesso dato: infatti oltre il 40% dei pazienti è risultato solo parzialmente aderente, condizionando l'efficacia dei trattamenti stessi e causando un mancato controllo dei parametri pressori. "Sebbene le piattaforme tecnologiche a nostra disposizione ci abbiano permesso in molti casi di seguire e monitorare da remoto i pazienti ipertesi, è stato comunque inevitabile riscontrare un minor controllo dei valori della pressione arteriosa e una non adeguata aderenza alla terapia" - commenta Damiano Parretti, Responsabile Area Cardiovascolare Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (SIMG). "A due anni dall'inizio della pandemia risulta quindi ancora più importante riprendere i contatti in presenza e il controllo proattivo dei pazienti ipertesi e portatori di patologie croniche, monitorando la pressione e altri parametri quali peso corporeo e frequenza cardiaca, ma anche supportandoli nel percorso di cura attraverso la semplificazione posologica". Le malattie cardiovascolari rimangono la principale causa di morte a livello globale. I trattamenti farmacologici possono ridurre sostanzialmente morbilità e mortalità, ma l'efficacia di tali interventi è correlata ad una corretta aderenza e alla continuità della terapia. "Le Linee Guida Europee raccomandano un approccio diagnostico-terapeutico che si adatti alle esigenze dei singoli pazienti, anche attraverso la semplificazione dello schema terapeutico ove possibile" - conclude Marie-Georges Besse, Direttore Medical Affairs del Gruppo Servier in Italia. "Per questo motivo Servier conferma il suo impegno come partner del Sistema Salute nella presa in carico del paziente cronico, mettendo a disposizione trattamenti sempre più efficaci e tollerati, ma anche sempre più 'comodi', come le combinazioni a dosi fisse di farmaci e le polipillole con più principi attivi nella stessa compressa, il cui fine è proprio quello di semplificare l'assunzione della terapia, a favore di un aumento dell'aderenza e di un conseguente successo del trattamento".
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO


chiudi