Sanità

ott52017

Screening diabete in farmacia, Federfarma prepara campagna nazionale

Screening diabete in farmacia, Federfarma prepara campagna nazionale
È in dirittura d'arrivo la proposta di copertura assicurativa in caso di infortunio o malattia per i titolari di farmacia che non hanno collaboratori farmacisti, dopo il via libera ricevuto dall'Assemblea di Federfarma, e intanto, tra le iniziative sul campo, è allo studio una campagna per lo screening sul diabete che sia nazionale e che dia forza al ruolo della farmacia nel Ssn. Per quanto riguarda la Polizza, «beneficiari» come si legge in una circolare «sono i titolari di farmacia senza collaboratori farmacisti che non abbiano compiuto l'ottantesimo anno di età. L'indennità viene corrisposta dal 6° giorno e fino all'ultimo giorno di assenza, con un massimo di 90 giorni per persona e per anno assicurativo, e prevede una garanzia di 150 euro al giorno per inabilità temporanea totale da infortunio e altrettanti per inabilità temporanea totale da malattia. Il limite complessivo di indennizzo è di 6 milioni di euro. Per essere ammessi alle garanzie, l'assicurato dovrà presentare, oltre alla descrizione dell'evento, un attestato di malattia o infortunio che certifichi la necessità di assenza dal lavoro e il numero di giorni di assenza, unitamente a un certificato che attesti la richiesta del sostituto in qualità di farmacista e la sua presenza fino al termine dell'assenza dal lavoro dell'assicurato, o, in alternativa, la documentazione che attesti la chiusura della farmacia». «Per attivare la copertura» si legge ancora nella circolare «è necessario individuare i titolari di farmacia in possesso dei requisiti»: chi è interessato dovrà far pervenire a Federfarma (via fax o via mail) il modulo di richiesta «entro il 15 ottobre. Successivamente a tale data gli uffici provvederanno a comunicare alla Compagnia assicurativa l'elenco degli assicurati per la redazione definitiva del contratto. Sarà cura della Federfarma dare notizia della data effettiva di decorrenza della copertura e fornire copia del relativo contratto». Secondo Silvia Pagliacci, presidente Sunifar, «si tratta di una importante misura per sostenere i titolari senza collaboratori e soprattutto finalizzata alla continuità del servizio farmaceutico. Da ricordare che la copertura dei costi della polizza è totalmente a carico del sindacato ed è stata ricavata all'interno del bilancio, grazie all'abbassamento delle diarie».
Intanto, è allo studio un'altra iniziativa «sempre nella direzione del servizio alla popolazione e della valorizzazione della rete delle farmacie: una campagna nazionale di screening sul diabete. Ho personalmente ricevuto la delega per progettarla e avviarla. L'idea è quella di raccogliere e mettere a sistema le esperienze locali che sul tema sono state organizzate, facendole convergere in un'iniziativa di carattere nazionale, che possa davvero essere incisiva rispetto al Ssn e alla salute della popolazione. Alla base del progetto c'è la visione della farmacia come nodo integrato nel Ssn e inserita all'interno della rete delle cure primarie, in collaborazione con alcune società scientifiche. La rete delle farmacie è un fondamentale punto di accesso al sistema salute per la popolazione e già oggi ricopre un ruolo nell'educazione sanitaria. Ma soprattutto può essere determinante anche nella direzione del risparmio del Ssn: se grazie alla capillarità e alla forza della rete delle farmacie, si avvia su scala nazionale uno screening alla popolazione finalizzato a cogliere lo stato di salute del paziente con il diabete ma soprattutto intercettare quelle situazioni di pre diabete, che possono essere quindi indirizzate al medico di famiglia o allo specialista, ecco che il risultato è quello di evitare o ritardare l'insorgere della patologia o comunque di evitare complicanze».

Francesca Giani
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Boiron Roux - Pediatria
vai al download >>

SUL BANCO