Sanità

lug282017

Serrata farmacie, a Catanzaro giornata di chiusura per ritardo pagamenti Asp

Serrata farmacie, a Catanzaro giornata di chiusura per ritardo pagamenti Asp
Le farmacie di Catanzaro hanno dichiarato lo stato di agitazione e la chiusura volontaria in tutta la provincia per la intera giornata del 21 agosto 2017 per protestare contro il ritardo dell'Asp nei pagamenti degli importi dovuti per l'erogazione dei farmaci in regime di convenzione e nell'ipotesi di un ulteriore ritardo è intenzione dei farmacisti attivarsi nel senso dell'assistenza indiretta. Lo rende noto un comunicato di Federfarma Catanzaro che denuncia un ritardo "attualmente assestato sui tre mesi corrispondenti alle ricette spedite nei mesi di aprile 2017, maggio 2017, mentre il 31 luglio 2017 p.v. scadrà (molto verosimilmente invano) il termine per il pagamento delle spettanze relative alla erogazione effettuata nel mese di giugno 2017 oltre alle fatture di assistenza protesica e le fatture per prodotti per celiaci". Questa situazione "rappresenta una seria minaccia alla sopravvivenza di alcune farmacie del territorio e, al contempo, all'intero sistema farmaceutico che si fonda su un regolare meccanismo di pagamento previsto da una Convenzione Nazionale, da troppo tempo puntualmente disattesa dall'Asp del territorio"

Secondo Federfarma Catanzaro inoltre è "avvilente per i farmacisti della Provincia di Catanzaro assistere alla spaccatura che si è creata tra la esasperata realtà dell'Asp di Catanzaro, unitamente a quella di Cosenza, Vibo Valentia, Crotone e Reggio Calabria, che ha sanato un ritardo di ben 18 mensilità, una divergenza incontrollabile e inaccettabile all'interno di una stessa Regione, che crea farmacisti di serie A e farmacisti di serie B e che solo un intervento del Governo regionale è in grado di sanare, intervento invocato da tempo. Lo sforzo già profuso in tale direzione dall'associazione è piuttosto ingente come attesta la vasta mole di proposte, richieste di incontri, documenti, tutti rimasti prive di riscontro".

La giornata di chiusura non coinvolgerà le farmacie tenute ad espletare servizio continuativo in base ai turni determinati in base alla normativa vigente dalle diverse Aziende Sanitarie territorialmente competenti. "Compiuta l'agitazione di cui sopra - conclude Federfarma Catanzaro - nell'ipotesi in cui il ritardo nei pagamenti dovesse ulteriormente perdurare, è intenzione dei farmacisti della provincia di Catanzaro attivarsi nel senso dell'assistenza indiretta, misura estrema che sarà realizzata se il rimborso del costo dei farmaci erogati dovesse essere ulteriormente rimandato".


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Giua - Inquadramento clinico e gestione dei disturbi minori in farmacia
vai al download >>

SUL BANCO