Sanità

gen302012

Sifo, norma sui concorsi penalizza i farmacisti Asl

La norma sui concorsi non piace neanche alla Sifo perché, così com’è formulata, penalizza l’accesso alle farmacie da parte dei farmacisti ospedalieri, che pure sono professionisti di elevato livello. «Purtroppo» spiega il presidente Laura Fabrizio «constatiamo che i farmacisti delle Aziende sanitarie risultano fortemente e ingiustamente penalizzati a causa della scarsa valutazione del loro punteggio relativo all’esercizio professionale, rispetto ai colleghi operanti nelle farmacie aperte al pubblico e a coloro che sono già titolari di una farmacia rurale sussidiata». I criteri con cui dovrebbero essere assegnate le nuove sedi devono far riferimento «esclusivamente al merito» ed essere espletati con «concorsi semplificati per soli titoli». Questo perché «le numerose attività gestionali e manageriali svolte dai farmacisti delle Aziende sanitarie, tra cui la vigilanza sulle farmacie aperte al pubblico, prevedono rigidi e selettivi percorsi accademici e di accesso. Non riconoscere loro un punteggio quantomeno uguale agli altri sarebbe paradossale». Da qui la richiesta al Governo di riformulare il comma del Dl sulle liberalizzazioni, in modo che «vengano rispettati i criteri di equità e giustizia, scardinando le lobby e valorizzando i meriti».


discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Raccomandazioni sulla gestione della rinite allergica in farmacia
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Ascioti - Reparto dermocosmetico - Guida al cross-selling
vai al download >>

SUL BANCO