Sanità

ott132018

Sistema Farmacia Italia, 11 serate per farsi conoscere. Dal 16 ottobre iscrizioni con codice tracciabilità

Sistema Farmacia Italia, 11 serate per farsi conoscere. Dal 16 ottobre iscrizioni con codice tracciabilità
Undici serate, da qui ai prossimi mesi, per far conoscere ai farmacisti Sistema Farmacia Italia, la società di scopo tra Federfarma e Federfarma Servizi, soci al 50%, che realizzerà la cosiddetta Rete delle Reti, e per iniziare l'arruolamento delle farmacie. E, intanto, stanno proseguendo i contatti con aziende e stakeholder privati per partire, nel nuovo anno, a erogare servizi professionali remunerati. Mentre, da martedì, saranno aperte le iscrizioni tramite il sito istituzionale, attraverso il codice di tracciabilità. Previsto un contributo una tantum a titolo di impegno. La tempistica è stata ribadita nell'ambito del convegno "La rete per la valorizzazione delle farmacie al servizio del cittadino: Sistema Farmacia Italia" che si è tenuto ieri a FarmacistaPiù ed è stato un'occasione per fare un punto su obiettivi e contenuti del progetto. «Lo strumento che abbiamo creato in questi mesi» è stato l'intervento di Vittorio Contarina, vicepresidente di Federfarma, che ha moderato la tavola rotonda, «ha bisogno ora di ricevere la fiducia della categoria. Con l'ingresso dei capitali nel sistema, ci troviamo di fronte a un bivio, che ci costringe a fare una scelta di campo netta: vogliamo stare con i farmacisti o con il capitale? Dalla parte della salute dei cittadini o del profitto?» Ecco allora che «la rete si deve caratterizzare per gli aspetti professionale. Se puntiamo su presa in carico e rapporto con i nostri pazienti, saremo vincenti. Ma, arriveremo a risultati, se saremo uniti e se riusciremo a dare forza anche all'anello più debole del sistema».
Con Sistema Farmacia Italia, ha preso la parola Marco Cossolo, presidente di Federfarma, «abbiamo fornito alle farmacie che vogliono essere indipendenti uno strumento per competere con i capitali. E per riuscire a farlo abbiamo scelto, in primo luogo, gli alleati: Fofi e Utifar per gli aspetti professionali, Federfarma Servizi e le cooperative e società di farmacisti per gli altri». D'altra parte, «per riuscire a valorizzare con industria, terzo pagante, ospedalità privata, e così via, la professionalità del farmacista c'è bisogno di un soggetto aggregante, che garantisca grandi numeri di adesione e standardizzazione del processo e della gestione del paziente».
In questo senso, «un elemento fondamentale per portare avanti i progetti» è l'intervento di Alfredo Procaccini, presidente di Sistema Farmacia Italia, «è costituito dalle cooperative e società di farmacisti, che portano un input migliorativo e ci mettono in grado di fare iniziative sul territorio». Ma, continua, «Sistema Farmacia Italia ha una caratteristica ben precisa: quella di sostenere tutte le farmacie, anche quelle più periferiche e fragili e di essere un modello universale. Noi ci poniamo l'obiettivo di migliorare lo stato della farmacia attuale e, di conseguenza, il servizio al paziente».
Da Procaccini arriva poi un punto anche sui prossimi passi: «Da qui a fine dicembre stiamo arruolando le farmacie e contattando le aziende per partire a inizio anno con attività remunerate, nell'ambito della pharmaceutical care e dei servizi professionali». Sono previste, per presentare il progetto alle farmacie, dieci serate, più una in fase di definizione, la prima delle quali il 16 ottobre a Roma: nello stesso giorno, aggiunge «prenderà avvio la possibilità di iscrizione dal sito www.sistemafarmaciaitalia.it, indicando il proprio codice di tracciabilità e utilizzando la firma elettronica. Previsto un contributo una tantum di 100 euro e di 50 euro per le rurali sussidiate a titolo di impegno».

Francesca Giani
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Garattini S., Bertelè V. Farmaci sicuri
vai al download >>

SUL BANCO