Sanità

set252018

Spesa farmaceutica, convenzionata ancora in calo nei primi quattro mesi del 2018

Spesa farmaceutica, convenzionata ancora in calo nei primi quattro mesi del 2018
Si attesta a 6.271,3 milioni di euro la spesa farmaceutica nazionale complessiva, nel quadrimestre gennaio-aprile 2018, con la convenzionata in calo (-5,1%) rispetto all'anno precedente e quella per gli acquisti diretti (ex ospedaliera) che sfora di 909 milioni il tetto fissato. E solo 3 regioni rientrate dentro i tetti di spesa: le province autonome di Trento e di Bolzano e la Val d'Aosta. Questo il quadro che emerge dal monitoraggio dell'Aifa sulla spesa farmaceutica nazionale e regionale del periodo gennaio-aprile 2018. A livello nazionale, si legge nel documento pubblicato dall'Agenzia, la spesa complessiva per i farmaci "si è attestata a 6.271,3 mln di euro, evidenziando uno scostamento assoluto rispetto alle risorse complessive, del 14,85% (5.577,7 mln di euro) pari a +693,5 mln di euro, corrispondente ad un'incidenza percentuale sul Fsn del 16,7%".

Per quanto riguarda la spesa farmaceutica convenzionata netta a carico del Ssn, che è calcolata, ricorda il documento, "al netto degli sconti, della compartecipazione totale (ticket regionali e compartecipazione al prezzo di riferimento) e del pay-back 1,83% versato alle Regioni dalle aziende farmaceutiche", si è attestata a 2.642,1 ml di euro riportando quindi un decremento del 5,1% rispetto all'anno precedente, pari a -142,8 milioni di euro. Lieve decremento, dello 0,8% rispetto al 2017, anche nei consumi espressi in numero di ricette (195,7 milioni di ricette), mentre l'incidenza del ticket aumenta dello 5,7% (+29,3 milioni di euro). Parallelamente si osserva un incremento dello +2,2% (+152,4 milioni di dosi giornaliere) delle dosi giornaliere dispensate. In particolare, la spesa farmaceutica convenzionata che le Regioni di fatto sostengono (quella al netto degli sconti versati dalle farmacie, di tutti i tipi di compartecipazione e anche del pay-back 1,83% versato alle regioni dalle ditte), è stata pari a 2.642,1 milioni di euro. Mentre quella convenzionata che concorre al tetto di cui alla legge 236/2016, articolo 1 comma 399, cioè quella al netto degli sconti versati dalle farmacie, del payback 1,83% versato alle regioni dalle ditte e anche dei diversi pay-back versati sempre alle Regioni (pari a 35,6 milioni di euro) ma al lordo dei ticket regionali, è stata pari a 2.773,8 milioni di euro.

Passando alla spesa farmaceutica per gli acquisti diretti, l'Aifa segnala che nel primo nel quadrimestre del 2018 si è attestata a 3,4 mld, una quota di 909 mln più elevata del tetto fissato. In ogni caso però, per la verifica del tetto programmato della spesa farmaceutica per acquisti diretti del 6,89% al netto dei pay-back vigenti e dei fondi per gli innovativi non oncologici e innovativi oncologici, evidenzia un'incidenza del 8,97%, pari ad un disavanzo rispetto alla spesa programmata di +782 mln di euro. Per medicinali inseriti nel fondo per i medicinali innovativi non oncologici la spesa gennaio-aprile è pari a 322,3 milioni di Euro mentre per i medicinali inseriti nel fondo per i medicinali innovativi oncologici, la spesa gennaio-aprile è pari a 185,2 milioni di Euro.
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Frongia - Casettari -Il galenista e il laboratorio
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO