farmaci

giu142017

Spesa farmaceutica in paesi ricchi, studio canadese: ecco i fattori che pesano di più

Spesa farmaceutica in paesi ricchi, studio canadese: ecco i fattori che pesano di più
Secondo uno studio pubblicato sul Canadian Medical Association Journal, considerando 10 paesi ad alto reddito con assistenza sanitaria universale, i costi per i farmaci di prescrizione in sei delle più grandi categorie di cura primaria variano di oltre il 600%. «Abbiamo esaminato i dati sul volume e sul costo giornaliero delle prescrizioni di assistenza primaria in 10 paesi ad alto reddito con assistenza sanitaria universale: Australia, Canada, Francia, Germania, Paesi Bassi, Nuova Zelanda, Norvegia, Svezia, Svizzera e Regno Unito» afferma Steven Morgan, della School of Population and Public Health alla University of British Columbia, autore principale dello studio. «Gli Stati Uniti non sono stati inclusi a causa della mancanza di un'assistenza sanitaria universale e del costo elevato dei farmaci» aggiunge. I ricercatori si sono concentrati su 6 categorie di farmaci per la cura primaria ampiamente utilizzati, di solito acquistati in farmacie aperte al pubblico e non in farmacie ospedaliere, tra cui trattamenti per l'ipertensione, farmaci per il dolore (antinfiammatori non steroidei o oppiacei), farmaci per il colesterolo, farmaci per il diabete non insulino-dipendente, farmaci per patologie gastrointestinali e farmaci antidepressivi per misurare la frequenza di utilizzo dei medicinali per numero medio di giorni di terapia acquistati pro capite. I farmaci per il trattamento dell'ipertensione hanno rappresentato il maggior numero di giorni di terapia nei cinque paesi con copertura universale con sistema a pagatore unico dei farmaci di prescrizione tra quelli considerati, con un costo medio per persona di 77 dollari USA. I costi medi negli altri paesi erano 99 dollari USA nei quattro paesi con assicurazione universale per farmaci di prescrizione e più pagatori e 158 dollari USA in Canada, dove esiste un sistema misto di finanziamento privato e pubblico. Le differenze di costo tra i paesi erano principalmente dovute a maggiori costi dei farmaci e a un diverso insieme di terapie scelte.

«Il volume della terapia acquistata in Canada era uguale a quella del paese di confronto; tuttavia, nel 2015 i canadesi hanno speso 2,3 miliardi di dollari in più di quello che avrebbero speso se questi trattamenti di assistenza primaria avessero avuto in Canada lo stesso costo medio giornaliero dei paesi comparatori combinati» scrivono gli autori. «Le spese medie sono più basse nei paesi in cui i sistemi di finanziamento sono gestiti da un pagatore unico e sembrano promuovere prezzi più bassi e una selezione di opzioni di trattamento a basso costo all'interno delle categorie terapeutiche» precisano. «Il Canada non si sta comportando bene e non si sta debitamente assicurando che la sua popolazione abbia accesso ai farmaci prescritti» scrive in un editoriale di accompagnamento Joel Lexchin, della York University di Toronto, Ontario che poi conclude: «Possiamo e dobbiamo arrivare a una situazione migliore; abbiamo bisogno di un programma di assistenza per i farmaci per ridurre i prezzi dei medicinali in modo che i canadesi non siano dissuasi dal seguire e assumere regolarmente la terapia».

Cmaj 2017 June 12;189:E794-9. doi: 10.1503/cmaj.161481
https://dx.doi.org/10.1503/cmaj.161481

Cmaj 2017 June 12;189:E792-3. doi: 10.1503/cmaj.170440
https://dx.doi.org/10.1503/cmaj.170440
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Dobrilla - Cinquemila anni di effetto placebo
vai al download >>

SUL BANCO