Sanità

giu92015

Spesa farmaceutica Ssn in calo, Ranaudo: il risparmio è solo teorico

Spesa farmaceutica Ssn in calo, Ranaudo: il risparmio è solo teorico
I dati Aifa sulla spesa farmaceutica relativi al primo bimestre del 2015 diffuso nelle scorse settimane indica un decremento della spesa netta convenzionata a carico del Ssn, ma secondo Carlo Ranaudo, docente di farmacoeconomia dell'Università di Salerno, in conti non sono veramente in ordine e spiega perché.

I primi due mesi del 2015 confermano una tendenza ormai consolidata negli ultimi 5 anni: la spesa netta tra gennaio e febbraio cala di un ulteriore 1% dopo il -3% del 2015. Il tetto di spesa programmato dell'11,35% viene rispettato anzi siamo addirittura al disotto, ad un 10,83% con un risparmio per il Servizio sanitario nazionale di circa 97 milioni di euro rispetto a quanto era stato stanziato. E che il fenomeno sia ormai consolidato lo si evince da un dato incontrovertibile: il prezzo medio dei farmaci erogato in regine Ssn è calato del 23,5% negli ultimi 5 anni. È l'effetto "generico", ma anche e soprattutto la continua e progressiva uscita dell'innovazione farmacologica dalla farmacia territoriale. Senza ombra di dubbio è la Farmacia territoriale quella che contribuisce in maniera sostanziale alla tenuta dei conti. Ma i conti sono veramente in ordine? Risposta semplice: No. Tutti i farmaci nuovi escono dal canale farmacia per entrare in quello ospedaliero, allora il risparmio così sbandierato è solo teorico. Nel 2014 la spesa ospedaliera sfonda il tetto del 3,5% di oltre 1 miliardo di euro assestandosi al 4,5%, Nei primi due mesi del 2015 le cose peggiorano. Dal 3,5% preventivato si è già superato il 5% con un disavanzo di oltre 300 milioni di euro in soli due mesi. E allora forse sarebbe più giusto guardare alla spesa totale. L'ospedale si è "mangiato" tutto il risparmio territoriale, il tetto globale previsto del 14,85% si assesta ad un 16% con un disavanzo in due mesi di circa 230 milioni di euro. Solo Lombardia ed Emilia insieme alle "piccole" Val d'Aosta e Trentino rispettano il tetto globale. Tutte le altre sono già in rosso con i maggiori scostamenti assoluti in Puglia, Campania, Lazio, Sardegna e Toscana. E in conclusione il cittadino contribuisce sempre di più: l'anno scorso 1,5 miliardi di euro nei primi due mesi già oltre 260 milioni con un trend in continua crescita.

Carlo Ranaudo
Docente di farmacoeconomia. Dipartimento di Farmacia, Università di Salerno

discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Raccomandazioni sulla gestione della rinite allergica in farmacia
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Ascioti - Reparto dermocosmetico - Guida al cross-selling
vai al download >>

SUL BANCO