OMEOPATIA

dic232021

Stillingia sylvatica, profilo e azione

La Stillingia sylvatica è una pianta della famiglia delle Euforbiacee indicata nelle sequele sifilitiche dolorose ossee e periostee

Stillingia sylvatica, profilo e azione
Pianta della famiglia delle Euforbiacee originaria della Florida e America centrale. Utilizzata la radice per la preparazione della TM di partenza. Indicata nelle sequele sifilitiche dolorose ossee e periostee o nelle patologie funzionali laringee.

Principali indicazioni d'uso

Tosse spasmodica e secca con costrizione laringea con raucedine cronica, tracheite dolorosa che peggiora alla compressione sternale. Tutte le affezioni e dolori ossei e/o periostei vivi, acuti e lancinanti al cranio, alle spalle e alle membra che si sviluppano su un terreno luetico. Esostosi. Sciatica sinistra. Dermatosi croniche e ulcerazioni sulle mani e sulle dita. Ulcerazioni delle cartilagini nasali. Adenopatie cervicali. Irritazione retto-colica, emorroidi.

Sintomi e modalità di reazione

Aggrava: col freddo, l'umidità, il movimento, di notte.
Migliora: col caldo.

Posologia

Usato a diluizioni 4-5 CH ogni 12 ore o più spesso al bisogno.

Il simile cura il simile

I principi attivi della pianta, derivati del forbolo, come gli esteri diterpenici della dafnetossina, vettori di acidi grassi saturi, polinsaturi o idrossilati, spiegano l'azione irritante che causa una eruzione vescicolosa della pelle e delle mucose, retto-coliti, nevriti e nevralgie. Microdosi di Stillingia sylvatica hanno un'azione terapeutica su quelle stesse patologie.

Tiziana Di Giampietro
Si ringrazia Siomi (Società italiana di medicina integrata) per la gentile collaborazione
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO


chiudi