Sanità

mag92018

Takeda acquisisce Shire

Takeda acquisisce Shire
Novità in ambito big pharma. L'azienda giapponese Takeda ha annunciato di avere raggiunto l'accordo per l'acquisizione della società irlandese Shire, per un importo che si aggira sui 46 miliardi di sterline. Al termine della transazione gli azionisti di Takeda deterranno circa il 50% del gruppo che originerà dall'operazione. Takeda nasce nel 1781 grazie all'idea dell'omonimo fondatore, che nel suo negozio inizia vendere erbe medicinali della tradizione cinese e giapponese. Oggi è una multinazionale con una presenza forte in molteplici aree terapeutiche, gastroenterologia e oncologia in primis.

Ha poco più di trent'anni invece Shire. Sede legale a Dublino e quotazione alla Borsa di Londra, la società ha la maggior parte dei sui laboratori negli Usa, a Boston. Tra i suoi farmaci di punta quelli per il trattamento dell'Adhd (Disturbo da deficit dell'attenzione e iperattività), della sindrome dell'occhio secco e di alcune malattie rare. «Insieme», prevede Christophe Weber, presidente e amministratore delegato di Takeda, «saremo leader nella fornitura di trattamenti mirati in gastroenterologia, neuroscienza, oncologia, malattie rare e terapie derivate dal plasma». «Con questa combinazione, Shire aiuta a creare una società biofarmaceutica ancora più forte, con una solida pipeline di ricerca e sviluppo e un'impronta globale ampliata» aggiunge Susan Kilsby, presidente dell'azienda irlandese.
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Schramm - La farmacia online
vai al download >>

SUL BANCO