Sanità

dic92020

Tamponi rapidi, Piemonte modifica Dgr: in parafarmacia solo prenotazione. Le sigle: dietro front immotivato

Tamponi rapidi, Piemonte modifica Dgr: in parafarmacia solo prenotazione. Le sigle: dietro front immotivato

Il Piemonte modifica la delibera sulla possibilità di fare i test rapidi nelle strutture autorizzate all'esercizio di attività sanitarie: nelle parafarmacie sarà consentito solo il servizio di prenotazione

La Regione Piemonte modifica la delibera pubblicata il 12 novembre che estendeva la possibilità di effettuare test rapidi antigenici Sars-Cov-2 "a tutte le strutture autorizzate per l'esercizio di attività sanitarie", precisando che per quanto riguarda le parafarmacie "resta inteso che è consentito effettuare il servizio di prenotazione dei tamponi antigenici". È quanto prevedere deliberazione della Giunta del 1° dicembre 2020 che aggiorna il Dgr "Attivazione di programmi di screening regionali mediante test rapidi per la ricerca dell'antigene Sars-COV-2 su tampone naso-faringeo". Inoltre, sono state integrate, nel documento "Percorso tampone rapido antigene virale Covid-19", le caratteristiche igienico sanitarie minime che devono essere rispettate per la gestione del tampone a domicilio o in locali appositamente individuati.

Sigle Parafarmacie: hanno prevalso logiche corporative

La modifica ha sollevato la reazione immediata delle sigle di rappresentanza delle parafarmacie raccolta in un comunicato congiunto di Movimento nazionale liberi farmacisti, Federazione nazionale parafarmacie italiane, Confederazione unitaria libere parafarmacie italiane, Federazione farmacisti e disabilitò onlus: "La Giunta Cirio - si legge nella nota - si era particolarmente distinta quando attivando tali test aveva voluto includere anche le parafarmacie per la particolare sensibilità mostrata a cercare solo l'interesse generale, ovvero mettere in campo tutte le risorse disponibili per affrontare questa pandemia. Ma tale illusione è durata meno di un mese, allorché lo scorso 3 dicembre, con una delibera che ha sinceramente del ridicolo, faceva un repentino dietro front ed escludeva le parafarmacie. Noi riteniamo che chiunque offra la propria incondizionata disponibilità per superare tale crisi, debba essere ascoltato e ricevere innanzitutto rispetto. Rispetto per quello che proprio in Piemonte hanno fatto le parafarmacie, al pari delle farmacie, in termini di abnegazione ai compiti che lo stesso Governo gli avevano affidato inserendole tra i servizi essenziali sin dal mese di marzo. Professionisti che hanno rischiato la propria incolumità pur di essere vicini ai cittadini. Sappiamo che la permeabilità delle istituzioni agli interessi corporativi è uno dei problemi principali del Paese, tuttavia, erroneamente ritenevamo che tali logiche potessero essere accantonate quando la sola individuazione di un positivo in più può significare bloccare il contagio di altre persone, evitare l'ospedalizzazione di alcuni e il rischio della perdita di vite umane. Così non è stato, ciò nonostante, i farmacisti che operano nelle parafarmacie continueranno a fare il loro dovere, i cittadini possono continuare ad utilizzare tale canale per avere il supporto e le informazioni necessarie. Noi ci siamo, le parafarmacie del Piemonte ci sono e sono sempre disponibili a collaborare con tale programma di screening".

Percorso tampone rapido antigene virale covid-19

Nella nuova delibera è stato anche integrato il documento che definisce "con riguardo all'attività prestata presso le farmacie e strutture socio-sanitarie, le caratteristiche igienico sanitarie minime che devono essere rispettate per la gestione del tampone rapido antigene virale Covid-19 "a domicilio" ovvero "in locali appositamente individuati".
Nello specifico: Gestione "Tampone a domicilio", risultano necessari:
- Paziente presso il proprio domicilio su appuntamento;
- Si deve effettuare misurazione della temperatura per verificare T < 37,5°, compilazione del questionario di verifica sintomi e contatti a rischio, il soggetto deve indossare mascherina e igienizzare delle mani;
- Il prelievo e la lettura del test devono essere effettuate da un sanitario (medico o infermiere) dotato dei previsti Dpi, guanti monouso, camice monouso impermeabile con manica lunga, cuffia per capelli monouso, mascherina monouso FFP2/FFP3, protezione per gli occhi (occhiali o schermo facciale di protezione);
- La procedura di vestizione/svestizione e di esecuzione del tampone deve essere aderente a quanto previsto dal Documento Rapporto Iss Covid-19 n. 11/2020 Rev. 2 del 29.5.2020 "Raccomandazioni ad interim per il corretto prelievo, conservazione e analisi sul tampone rino/orofaringeo per la diagnosi di Covid-19" (la responsabilità della fornitura dipende dagli accordi contrattuali tra i contraenti);
- Ci deve essere procedura documentata per lo smaltimento del materiale utilizzato;
- Compilazione allegato B della DGR n. 5-2124 del 20 ottobre 2020;
- Inserimento soggetti sia negativi che positivi in piattaforma.

Gestione tampone presso "Locale appositamente individuato", risultano necessari:
- Locale dedicato con percorso di accesso separato rispetto ad altri locali;
- Il locale deve essere sanificabile e consentire il rispetto della privacy;
- Il locale deve essere sanificato tra un paziente e l'altro;
- Il prelievo e la lettura del test deve essere effettuata da un sanitario (medico o infermiere) dotato dei previsti Dpi, guanti monouso, camice monouso impermeabile con manica lunga, cuffia per capelli monouso, mascherina monouso FFP2/FFP3, protezione per gli occhi (occhiali o schermo facciale di protezione), e che la procedura di vestizione/svestizione e di esecuzione del tampone deve essere aderente a quanto previsto dal Documento Rapporto Iss Covid-19 n. 11/2020 Rev. 2 del 29.5.2020 "Raccomandazioni ad interim per il corretto prelievo, conservazione e analisi sul tampone rino/orofaringeo per la diagnosi di Covid-19" (la responsabilità della fornitura dipende dagli accordi contrattuali tra i contraenti);
- Deve essere presente uno spazio/contenitore chiuso per il deposito di materiale pulito;
- Deve essere presente uno spazio/contenitore chiuso per il deposito di materiale sporco;
- Deve essere stato stipulato contratto con la ditta autorizzata allo smaltimento rifiuti speciali o procedura documentata per altra idonea modalità di smaltimento;
- Deve essere presente un lavello con erogatore non manuale e dispenser con detergente, disinfettante e asciugamano monouso;
- Il paziente deve essere ricevuto su appuntamento; si deve effettuare misurazione della temperatura per verificare T < 37,5°, compilazione del questionario, il soggetto deve indossare mascherina e igienizzare delle mani; senza accompagnatore salvo necessiti di assistenza o sia minore;
- Compilazione allegato B della DGR n. 5-2124 del 20 ottobre 2020
- Inserimento soggetti sia negativi che positivi in piattaforma.
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO