Sanità

lug42018

Tavolo carenze, anomalie distributive tra nodi aperti: spedizioni esose per farmaci indisponibili

Tavolo carenze, anomalie distributive tra nodi aperti: spedizioni esose per farmaci indisponibili
Continuano i lavori del tavolo tecnico sulle indisponibilità che ieri ha visto riunite le sigle della filiera insieme ad Aifa, Ministero e Regioni, e che si è dato nuovo appuntamento a settembre con l'impegno di portare soluzioni condivise. Tra i nodi aperti, secondo quanto riferisce Farmacieunite in una nota, c'è la questione sollevata nello scorso appuntamento da alcuni ispettori regionali - che avevano riferito come, a fronte della richiesta di farmaci indisponibili da parte di farmacie, alcuni operatori avrebbero richiesto costi di trasporto molto elevati, anche di 500 euro, a dispetto di distanze irrisorie. Una anomalia nel normale ciclo della distribuzione che secondo quanto aveva detto Farmacieunite può mettere in crisi le farmacie nell'espletare le richieste dei pazienti. «Il Tavolo sta lavorando bene» sono le parole del segretario nazionale Maurizio Giacomazzi, «le problematiche vengono analizzate da diversi punti di vista ma sempre nell'alveo di un percorso condiviso».

Sul tema, era intervenuto Domenico Di Giorgio, direttore dell'Ufficio qualità Prodotti e contrasto al crimine farmaceutico dell'Aifa, in una intervista a F-Online: «il nostro approccio rimane sempre lo stesso. Partiamo dalle segnalazioni e raccogliamo in maniera scientifica i dati, per confermare il quadro e valutare nel caso se si tratti di un caso isolato o di una "cattiva pratica" ricorrente: l'analisi permette di capire se e quanto sia illegittima la prassi segnalata, aiutando chi ha la competenza a intervenire di conseguenza. Ma soprattutto, trovando, insieme alla filiera, soluzioni e azioni condivise. Per esempio, quella di considerare tutti gli operatori come una risorsa del sistema: in Lombardia, di fronte a una indisponibilità, le ATS consigliano alle farmacie di esplorare tutti i grossisti censiti, compresi i farmacisti-grossisti, per cercare di rispondere alla richiesta dei pazienti, e ove necessario raccogliere dati che permettano di valutare l'entità e la natura dei problemi, segnalando attraverso le Regioni le anomalie su cui le amministrazioni centrali possono poi intervenire». Ora, conclude Giacomazzi, «ci siamo dati appuntamento nuovamente a settembre e ogni partecipante si è impegnato a portare proposte concrete di soluzione ai problemi affrontati».
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Frongia - Casettari -Il galenista e il laboratorio
vai al download >>
separa
Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO