Sanità

lug92015

Tavolo Mise: farmaceutica settore strategico, eliminare penalizzazioni

Tavolo Mise: farmaceutica settore strategico, eliminare penalizzazioni
Eliminare le condizioni penalizzanti che rischiano di compromettere le potenzialità della filiera del farmaco. È questo il rinnovato obiettivo per il settore farmaceutico che si pongono Mise, Ministero della Salute e Presidenza del Consiglio, e che declinano anche attraverso il tavolo sulla farmaceutica (per la precisione su "regolazione mercato e strategie industriali"). Il tavolo, eredità del Governo Monti, già a inizio anno era stato organizzato in tre gruppi e, nella riunione di ieri, è stato fatto il punto dei lavori. In particolare, secondo la nota del Mise, il tavolo, che si è riunito alla presenza del Ministro del Mise Federica Guidi e del Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Claudio De Vincenti, con i rappresentanti del Ministero della Salute, del Mef e di Aifa, «ha elaborato un primo pacchetto di proposte destinate a confluire in provvedimenti mirati, anche in occasione della prossima legge di stabilità». Il metodo «scelto per il Tavolo della farmaceutica è stato quello di individuare tre ambiti di discussione e raccolta di proposte: la ricerca clinica, i farmaci innovativi e l'Health Technology Assesment (Hta), per tenere insieme innovazione e sostenibilità della spesa, quantificando il contributo che l'innovazione farmacologica può dare in termini di "costi evitati" sulla cura di molte malattie; il sistema produttivo e distributivo del farmaco, la regolazione in senso pro concorrenziale del mercato per il rafforzamento della capacità produttiva e competitiva dell'industria farmaceutica nazionale; la rivisitazione del sistema di governance della spesa farmaceutica, con particolare attenzione al sistema dei tetti sulla spesa ospedaliera e del payback». Dal tavolo di ieri «il settore è stato definito tra quelli maggiormente trainanti la fuoriuscita dal periodo di crisi del manifatturiero italiano», richiamando i dati di produzione ed export emersi dall'ultima assemblea pubblica di Farmindustria, e ne è derivata la necessità di «consolidare e sviluppare il ruolo dell'Italia come piattaforma industriale del comparto in Europa e nel mondo, sia mantenendo la leadership nelle produzioni consolidate, sia sviluppando ulteriormente la filiera dei prodotti più innovativi che permetteranno di mantenere la leadership anche in futuro».

Francesca Giani

discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO