Sanità

lug312019

Test epatite C in farmacie Uk, i nuovi ruoli in diagnostica nell'accordo quadro

Test epatite C in farmacie Uk, i nuovi ruoli in diagnostica nell’accordo quadro

Test epatite C in farmacia, il Uk nuovo accordo quadro delinea un programma di prova per alcuni servizi finanziati, tra i quali prevenzione cardiovalscolare ed esami Hpv

Un ruolo di maggior coinvolgimento clinico per le farmacie di comunità britanniche: dal servizio di test per il virus dell'epatite C (Hpv), previsto a partire dal 2019/2020 e destinatario di un finanziamento, alla diagnosi di fibrillazione atriale e ipertensione, poi trattamento delle patologie minori, monitoraggio dei pazienti e supporto alla lotta al fumo con cure secondarie. È questo il futuro delineato dal programma di prova elaborato dal Dipartimento per la Salute e l'Assistenza sociale (Dhsc) per ampliare il ruolo della farmacia nel network delle cure primarie (Pcn), e previsto dal nuovo Accordo Quadro per le Farmacie di Comunità dal 2019/2020 al 2023/24. L'obiettivo è quello di testare per un periodo limitato una serie di servizi di prevenzione e diagnosi, da rendere definitivi in caso di successo.

Prevenzione e screening cardiovascolare

In prima istanza verranno erogati servizi di diagnosi per le patologie cardiovascolari. Come spiega su Pharmaceutical Journal Sotiris Antoniou, farmacista consulente per i medicinali cardiovascolari presso il Bart Health Nhs Trust, «In Inghilterra, ci sono circa 400.000 persone con fibrillazione atriale non diagnosticata (Af) e, potenzialmente, 5,5 milioni con ipertensione non diagnosticata. Si prospetta quindi un ruolo rilevante per le farmacie di comunità». Il punto di forza di tale nuovo servizio risiederebbe nella possibilità per i pazienti di sottoporsi a test e screening senza il bisogno di appuntamento, comodamente presso la propria farmacia di comunità.
Altri servizi riguarderanno il trattamento delle patologie minori (per alleggerire la pressione sui medici di medicina generale e snellire il servizio, oltre a combattere l'antibiotico-resistenza), il controllo dei pazienti, affidati alle farmacie sulla base di un sistema di distribuzione, il supporto ai pazienti alle prese con la lotta al fumo per la dispensazione di cure secondarie.

Test per l'epatite C

Altro servizio importante, la cui introduzione è prevista per l'anno 2019/2020, è quello di analisi per il virus dell'Hcv. Attivo in test fino al 2020/2021, il programma godrà di un finanziamento di 4 milioni di sterline (2 milioni all'anno), e nel caso di successo godrà di un finanziamento speciale, separato da quello per gli altri servizi. «È essenziale che i farmacisti partecipino attivamente nella lotta all'Hcv», ha commentato Ryan Buchanan, professore di epatologia presso l'Università di Southampton. «Per indurre un paziente a fare un test per qualcosa che, potenzialmente, potrebbe avere gravi conseguenze, i farmacisti devono sapere qual è la procedura dopo che i risultati del test sono risultati positivi, per poterlo spiegare anche al paziente stesso. I farmacisti devono quindi essere strettamente coinvolti con il team clinico locale».
discuti sul forum

ANNUNCI SPONSORIZZATI


Download Center

Principi e Pratica Clinica
Nicoloso B. R. - Le responsabilità del farmacista nel sistema farmacia
vai al download >>

SUL BANCO